Giro del mondo “a bordo” dei blog

Prosegue il nostro viaggio in giro per il mondo, con alcune interessanti segnalazioni di news dal mondo!America Latina ci parla dei risultati ufficiali resi noti a Caracas alla trasformazione in senso socialista della Costituzione bolivariana del 1999, voluta dal presidente Hugo Chávez. Arigatò ci porta invece alla scoperta delle tradizioni culinarie giapponesi per il Natale!

Prosegue il nostro viaggio in giro per il mondo, con alcune interessanti segnalazioni di news dal mondo!

America Latina ci parla dei risultati ufficiali resi noti a Caracas alla trasformazione in senso socialista della Costituzione bolivariana del 1999, voluta dal presidente Hugo Chávez. Arigatò ci porta invece alla scoperta delle tradizioni culinarie giapponesi per il Natale!

Breaking London ci spiega invece come in un semplice codice postale si possono nascondere una quantità di informazioni molto interessanti per la gestione del territorio e delle tasse. Canada ci dice che il Canada non potrà rifiutare asilo a chi arriva dal confine statunitense. Lo ha deciso la Corte federale, che ha giudicato gli Stati Uniti un Paese non sicuro per i rifugiati.

Cindia ci parla dell'ultimo, allarmante, rapporto di Nomisma sui rincari al consumo dovuti all'aumento del costo dell'energia, mentre Irlanda ci segnala un rapporto sul benessere pubblicato dalla Bank of Ireland.

(Re)Think America ci segnala invece che nel 1998 due ricercatori della Universita' del Massachusetts, dopo avere analizzato le acque del porto di Boston, riferirono di avere riscontrato la presenza di una sostanza insolita: la caffeina. Fuori dal Ghetto ci parla dell'apertura al pubblico l'immenso archivio di Bad Arolsen.

Mysterium ci parla dello Yeti asiatico: un gruppo di esploratori statunitensi e nepalesi infatti sostiene di aver trovato le impronte della creatura entrata nell'immaginario come l'abominevole uomo delle nevi. Sostenibile, Il Professor Echos e Eco Alfabeta ci segnalano a Bali la conferenza internazionale sui cambiamenti climatici, che durerà fino al 14 dicembre e vi prenderanno parte 190 delegazioni ed oltre 10'000 funzionari.

Petrolio ci parla dei curdi che rivendicano ufficialmente i diritti sui giacimenti petroliferi di Kirkuk, i più importanti dell'Iraq, che si trovano nelle regioni del Nord ma al di fuori della zona semiautonoma curda.

Il Blog Ninoblog ci parla invece dell’amministrazione Bush che per anni ci ha bombardato (mediaticamente) con la storia della corsa agli armamenti atomici iraniani, mentre il blog La penna che graffia ci aggiorna sulla situazione in Darfur.