Nigeria, testa di neonato in un sacchetto di plastica: arrestati due presunti stregoni

Due uomini sono stati arrestati in Nigeria con l’accusa di aver ucciso e decapitato una bambina di 4 mesi. La sua testa doveva essere utilizzata per un rituale.


Due persone, Tanko Haruna e Mohammed Yusuf, sono stati arrestati dalle autorità di Erena, nello stato di Niger, in Nigeria, con l’accusa di aver ucciso e decapitato una bambina di appena 4 mesi.

I due sono stati sorpresi in possesso della testa dell’infante, nascosta in un sacchetti di plastica insieme a dei pomodori: stavano fuggendo alla volta di un’imprecisata località, probabilmente per compiere dei rituali utilizzando proprio quel resto umano.

L’indagine è ancora in corso e dalle autorità locali è arrivata la conferma della confessione dei due uomini, membri di una gang dedita al compimento di rituali o stregonerie che richiedono il sacrificio di esseri umani.

Via | The Nation
Foto | NAN