Delitto Melania Rea: notificato decreto rito immediato a Parolisi

Salvatore Parolisi verso il processo per l’omicidio della moglie Melania, prima udienza il 27 febbraio.


Prima udienza il 27 febbraio. A Salvatore Parolisi, scrive il Giornale di Puglia, è stato notificato il decreto di giudizio immediato. L’imputato dovrà difendersi dalla terribile accusa di aver ucciso la moglie Melania Rea con più di trenta coltellate, di averne vilipeso il cadavere al fine di depistare le indagini.

Per “conseguire l’impunità dal delitto di omicidio pluriaggravato, tentando di depistare le indagini mediante l’inserimento sul luogo del delitto di elementi di confondimento” nelle parole dell’accusa rappresentata dal procuratore Gabriele Ferretti e dai sostituti Davide Rosati e Greta Aloisi.

Un omicidio aggravato dal fatto che per i pm sarebbe avvenuto in presenza della figlia di due anni di Salvatore e Melania. Così i magistrati nella richiesta di giudizio immediato a carico del caporal maggiore: (Parolisi) “ha agito con crudeltà consistita nel proseguire nell’azione lesiva anche quando la donna, ancora cosciente, era ormai incapace di difendersi a seguito dei colpi ricevuti da tergo e nell’infierire sul suo corpo con ben 35 coltellate”.

Ora si attendono le mosse della difesa di Parolisi. Un’eventuale virata sul rito abbreviato, con conseguente sconto di un terzo della pena in caso di condanna, rimarrebbe vincolata a due perizie che i legali del militare potrebbero chiedere.

Foto | © TMNews

Ultime notizie su Melania Rea

Tutto su Melania Rea →