Lamezia Terme: calci e pugni all’ex fidanzata, arrestato un 38enne

In manette è finito Gaetano Pino Migliore. L’uomo era stato già denunciato dalla ex un anno fa.

di remar

Ha preso a calci e pugni la ex fidanzata dopo averle sfondato la porta dell’appartamento. È accaduto domenica scorsa a Lamezia Terme (Catanzaro), ma dei fatti è stata data notizia solo oggi. Alla violenta aggressione ha posto fine solo l’arrivo dei carabinieri della locale compagnia, avvisati da alcuni vicini che avevano sentito le urla provenire dall’abitazione.

In manette è finito Gaetano Pino Migliore, di 38 anni. La donna lo aveva già denunciato un anno fa, ma l’uomo non si era arreso. Non riusciva ad accettare la fine della loro relazione rendendo la vita dell’ex convivente un inferno.

Quando i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile sono arrivati nell’appartamento, nella zona di via Adda, hanno trovato la donna, una straniera di 32 anni, rannicchhiata sul pavimento dietro un frigorifero buttato a terra. Evidenti i segni dell‘aggressione: la vittima, in stato shock, presentava ecchimosi al volto e alle braccia.

Migliore, è stato subito bloccato dai militari dell’Arma e arrestato con l’accusa di lesioni, violenza privata, violazione di domicilio aggravata e atti persecutori.

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati