Gelosie a sinistra: Grillo attacca Vendola

A sinistra ci sono segnali di una guerra sotterranea che vede in atto riposizionamenti e movimenti più o meno espliciti per intercettare la pancia degli elettori potenziali di centrosinistra. L’ascesa di Vendola pur risultando sicuramente più appetibile ai votanti di sinistra (quella più radicale) rispetto a Bersani non ha mai convinto pienamente l’ala giustizialista e


A sinistra ci sono segnali di una guerra sotterranea che vede in atto riposizionamenti e movimenti più o meno espliciti per intercettare la pancia degli elettori potenziali di centrosinistra. L’ascesa di Vendola pur risultando sicuramente più appetibile ai votanti di sinistra (quella più radicale) rispetto a Bersani non ha mai convinto pienamente l’ala giustizialista e quella grillina.

Proprio il comico ultimamente sul suo blog lancia frecciate e attacchi a Vendola. In un articolo se la prende con alcune decisioni del Governatore della Puglia accusandolo di aver accantonato le soluzioni semplici e più rivoluzionarie per dei compromessi difficili da digerire.

In particolare si è scagliato contro l’accordo, finanziato dalla Regione, con il berlusconiano Don Verzè per un ospedale privato a Taranto, contro l’atteggiamento di Vendola (“ha dato solo la colpa agli altri”) in merito alla sua giunta colpita pesantemente dalle indagini sulla sanità, contro il rapporto privilegiato con la Marcegaglia per la costruzione di termovalorizzatori.

Insomma pare evidente che il tanto osannato Vendola non vada giù a Grillo. Il comico si mette in aperta concorrenza con il governatore pugliese, rinfacciandogli decisioni apertamente in contrasto con le idee più diffuse a sinistra. Vendola per Grillo si sarebbe ormai venduto all’arte del compromesso, cedendo in varie occasioni ai poteri forti.

Vendola sarebbe anche accusato di non rispondere nel merito o di nascondere questi episodi per continuare a propagandare una nuova politica che in realtà non esisterebbe visto che il leader di Sel è in politica da 30-40 anni. Si attendono nuovi litigi tra chi vuole arrogarsi la patente di più puro a sinistra.