Fortunato Scognamiglio ucciso in un agguato: altro omicidio a Melito

Melito, Napoli: il 28enne Fortunato Scognamiglio è stato ucciso ieri. Cinque omicidi in 11 giorni. È faida interna agli Scissionisti?

di remar


Ancora un agguato nell’area a nord di Napoli, il quinto in undici giorni, un altro omicidio a Melito. Vittima Fortunato Scognamiglio, 28 anni. L’uomo è stato ucciso davanti a un bar a colpi di arma da fuoco poco dopo le 17:30 di ieri, in via Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Ad agire sarebbero stati due killer. Scognamiglio, con precedenti per droga secondo le prime informazioni, accortosi delle intenzioni dei sicari avrebbe tentato, invano, di sfuggire alla morte. Per gli investigatori il 28enne potrebbe essere stato vicino agli Scissionisti, il clan Amato-Pagano, uscito vincitore dalla faida di Secondigliano-Scampia contro i Di Lauro.

E proprio a Melito la settimana scorsa era rimasto ucciso in un agguato un 52enne pregiudicato; due giorni prima erano stati trovati i cadaveri carbonizzati di due uomini, presunti spacciatori legati agli scissionisti, ma non ci sono ancora conferme sulle loro identità. Cinque morti ammazzati tra Melito e Giugliano dall’inizio dell’anno non fanno presagire nulla di buono.

È guerra di camorra? È in atto uno scontro tra clan contrapposti che si contendono il mercato della droga nella zona settentrionale? Tra le ipotesi prese in maggiore considerazione dagli inquirenti quella di una faida interna al gruppo degli Scissionisti.

Foto | Infophoto

I Video di Blogo

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →