Per l’emergenza rifiuti servono altri 20 anni: il presidente della Campania smentisce l’ottimismo di Silvio

Ma non si era detto che l’emergenza era finita, la situazione era sotto controllo, le discariche erano state riaperte, la raccolta era in piena efficienza e l’inceneritore avrebbe sollecitamente smaltito balle ed ecoballe?Forse avevamo capito male (oppure il sorridente premier Berlusconi era stato frainteso) dato che il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, è andato


Ma non si era detto che l’emergenza era finita, la situazione era sotto controllo, le discariche erano state riaperte, la raccolta era in piena efficienza e l’inceneritore avrebbe sollecitamente smaltito balle ed ecoballe?

Forse avevamo capito male (oppure il sorridente premier Berlusconi era stato frainteso) dato che il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, è andato a dire al commissario europeo per l’ambiente che “il Piano regionale prevede di risolvere il problema dei rifiuti pregressi nel giro di 20 anni”.

VENTI ANNI?! Allora tanto valeva tenersi Bassolino…. Ma non si era detto che era tutto a posto, tutto risolto? In due decenni i rifiuti che stanno marcendo nei grandi piazzali disseminati per la Campania, non arrecheranno, per caso, qualche ulteriore piccolo danno ambientale?

Ultime notizie su Emergenza rifiuti

Tutto su Emergenza rifiuti →