Ore 12 – Berlusconi trema: Fini e opposizioni insieme per affossare il “porcellum”

Come nei giochi di prestigio, anche la maggioranza di governo compare e scompare. A detta del premier, dopo la fiducia alle Camere la maggioranza era così rafforzata e ampia che adesso ne spunta … un’altra. Quanto meno per fare una nuova legge elettorale e non andare al (sempre più probabile) voto con il “porcellum”. Un

Come nei giochi di prestigio, anche la maggioranza di governo compare e scompare.

A detta del premier, dopo la fiducia alle Camere la maggioranza era così rafforzata e ampia che adesso ne spunta … un’altra. Quanto meno per fare una nuova legge elettorale e non andare al (sempre più probabile) voto con il “porcellum”.

Un brutto colpo per Berlusconi. Un colpo che addirittura potrebbe risultare decisivo e … mortale per il Cavaliere “politicus”.

Una vera e propria bomba perché c’è una inedita intesa tra finiani e Pd sulla legge elettorale di tipo proporzionale alla tedesca, modificata per rafforzare il sistema bipolare (sbarramento al 3%, collegi uninominali e niente preferenze, via premio di maggioranza e liste bloccate, possibilità di indicare il candidato premier), intesa che preclude a un accordo più ampio in Parlamento anche con Udc, Idv, Api e addirittura con battitori liberi del Pdl.

Insomma, basta col “porcellum” del “chi vince prende tutto” e nuove regole dove gli elettori possano avere il diritto di scegliere non solo il presidente del Consiglio ma anche i loro parlamentari.

Sbraitano Pdl e Lega agitando lo spettro del “ribaltone”. Ma qui non si tratta di maggioranza di governo, bensì di formazione di nuova maggioranza per le regole, in questo caso per cambiare una legge definita da tutti “vergognosa”.

La verità è una sola: Berlusconi vuole tenere il “porcellum” perché con il Pdl attorno al 30% si garantisce il 55% dei seggi alla Camera: alla faccia della democrazia! Affossato il “porcellum”, affossato Berlusconi?

I Video di Blogo