Movida notturna a Roma – Il comune vieta i pub crawl

Tempi duri per gli amanti di alcool e bionde (nel senso di birre e turiste straniere in vena di eccessi!). Il Comune di Roma ha, infatti, approvato questo pomeriggio un’ordinanza che vieta in città i cosiddetti tour alcolici nella zona del centro storico che si concentrano di solito tra Campo de’Fiori e piazza Navona.In inglese,


Tempi duri per gli amanti di alcool e bionde (nel senso di birre e turiste straniere in vena di eccessi!). Il Comune di Roma ha, infatti, approvato questo pomeriggio un’ordinanza che vieta in città i cosiddetti tour alcolici nella zona del centro storico che si concentrano di solito tra Campo de’Fiori e piazza Navona.

In inglese, anzi in americano, li chiamano pub crawl, che letterlamente si traduce in “strisciare per pub” o “andare carponi per pub”. Per chi non lo conoscesse un pub crawl è un tour alcolico organizzato, per lo più da organizzazioni mordi e fuggi gestite da americani, tra i locali, i wine bar e le birrerie del centro della città il cui risultato è spesso l’ubriacatezza collettiva del gruppo. Sono per lo più frequentati da ragazzi e ragazze made in Usa ma spesso si uniscono a loro anche concittadini in cerca di un po’ di quel tipo di divertimento che l’alcool a fiumi rende più facile ottenere.

Ebbene da oggi tutto questo non potrà più fare. “L’ordinanza vieta i pub crawl – ha detto il delegato per il centro storico Dino Gasperini – si tratta di reprimere fenomeni di aggregazione non autorizzata finalizzata al commercio ed organizzata da chi non ne ha alcun titolo. C’è chi infatti, senza avere licenze, organizza tour, paga in nero giovani per fare promozione e per accompagnare le persone per i pub e spesso fornisce anche agli esercenti determinate bevande”. Il divieto di organizzare pub crawl prevede multe e, a carico degli esercizi commerciali che vi partecipano, la sospensione dell’attività da 3 a 60 giorni con la revoca dell’autorizzazione se recidivi.

“Non sarà più possibile organizzare i pub crawl, che sono dei tour organizzati per far ubriacare la gente – ha spiegato invece Gianni Alemanno – la Polizia municipale è attrezzata per scongiurare questo fenomeno”. L’ordinanza, valida in tutta la città, sarà in vigore fino al 31 dicembre.

L’obiettivo dell’ordinanza è tutelare il decoro notturno ed evitare eccesso di alcool nelle vene dei ragazzi della movida romana. Un fenomeno, ha ricordato lo stesso Gasperini, che l’anno scorso ha portato alla morte di un giovane caduto dal terrazzo dopo aver bevuto troppo.

Foto: Flickr

I Video di Blogo