Venezia, uccide il figlio di 20 anni a coltellate: arrestato

L’uomo è stato fermato e condotto in caserma per essere interrogato. L’omicidio è avvenuto al termine di una violenta lite scoppiata per motivi ancora da chiarire.

Un uomo di 70 anni, Guerrino Minto, è stato arrestato stamattina a Campagna Lupia, in provincia di Venezia, con l’accusa di aver ucciso a coltellate il figlio di appena 20 anni, Alessandro, al termine di una violenta lite scoppiata per futili motivi.

Il delitto è avvenuto in mattinata e stando a quanto ricostruito in queste ore sarebbe collegato a motivi economici. L’uomo sosteneva di aver prestato dei soldi al figlio, il giovane, operaio in una ditta di Marghera, sosteneva il contrario. Dalla lite al delitto il passo è stato breve.

L’anziano padre ha preso un coltello da cucina e ha aggredito al figlio, uccidendolo con un colpo di cuore.

All’arrivo dei soccorsi, allertati dalla sorella dell’omicida, per il giovane non c’era più nulla da fare. Il 20enne è deceduto poco dopo l’intervento dei sanitari del Suem 118. L’uomo, invece, è stato arrestato dai carabinieri di Chioggia e portato in caserma per essere interrogato. L’accusa per lui è di omicidio volontario.