Brindisi, sesso in auto con minorenne: arrestato Stefano Corbascio

Stefano Corbascio è finito in manette a Brindisi con l’accusa di aver violentato un minorenne disabile nella propria auto. E’ stato sorpreso in flagranza di reato da una pattuglia di finanzieri.


Stefano Corbascio, dipendente amministrativo della prefettura di Brindisi, è finito in manette sabato sera dopo esser stato colto in flagranza di reato a fare sesso nella sua automobile con un ragazzino di 16 anni con problemi psichici.

A scoprire l’impiegato, si legge sulla Gazzetta del Mezzogiorno, è stata una pattuglia di finanzieri durante un controllo di routine in una zona isolata della città. Insospettiti da un’auto parcheggiata i militari si sono avvicinati ed hanno sorpreso Corbascio, nudo, insieme al 16enne.

Inevitabile l’arresto: Corbascio deve rispondere all’accusa di violenza sessuale su minore, aggravata dal fatto che il 16enne soffra di disturbi mentali. Resta da chiarire se si sia trattato di un episodio isolato o se quell’incontro scoperto sia stato l’ultimo di una lunga serie.

Del caso si sta occupando il sostituto procuratore del Tribunale di Brindisi Raffaele Casto.

I Video di Blogo