Germania, omicidi del kebab: in manette un collaboratore del gruppo neonazista

Nuovo arresto nell’ambito delle indagini sulla gang di neonazisti che tra il 2000 e il 2006 ha ucciso almeno dieci persone


C’è un nuovo arresto nel caso degli “omicidi del kebab“, come vengono chiamati dalla stampa tedesca i dieci delitti avvenuti dal 2000 al 2006 per mano di una gang di neonazisti che rispondeva al nome di Nationalsozialistischer Untergrund (NSU).

I primi a finire in manette, poche settimane fa, furono la presunta fondatrice del gruppo, la 36enne Beate Zschaepe, e il collaboratore Holger G., sospettato dalle autorità di aver fornito ai terroristi nuovi documenti e veicoli per compiere le rapine, attività che serviva per finanziare la loro attività.

Ieri è stato arrestato un uomo di 36 anni, sospettato di aver aiutato i tre terroristi – oltre alla Zschaepe c’erano Uwe Boehnhardt e Uwe Mundlos, entrambi deceduti – fornendo loro alloggi in cui potersi nascondere e dove poter organizzare nuovi attentati.

Le indagini proseguono, anche se le autorità continuano a rassicurare la popolazione: la cellula è stata completamente smantellata.

Via | Generalbundesanwalt

I Video di Blogo.it