Governo Letta, fiducia da Berlusconi condizionata dall’Imu

Governo Letta con fiducia condizionata. Ovviamene, all’abolizione dell’Imu.

di

Silvio Berlusconi ha una vera e propria ossessione per l’Imu. E anche oggi al Tg4, intervistato in tenuta nera su un divano “fantasia”, ha ribadito il concetto: la fiducia al governo Letta è condizionata e legata all’abrogazione della tassa sulla prima casa, che diventa l’unico argomento politico di questi giorni proposto dal leader del Partito della Libertà (fino alla prossima questione “irrinunciabile”, ovviamente).

«Non per un puntiglio. E’ così perchè è cosa buona e giusta quella di non far pagare l’Imu a giugno. E’ cosa sbagliata aver introdotto una tassa sulla casa come l’Imu»,

ha detto il Cavaliere durante l’intervista.

E poi ha ribadito la consueta litania:

«E’ ingiusta perché è un’imposta che tocca il bene più sacro. La casa è il pilastro su cui ogni famiglia ha il diritto di costruire la sicurezza propria e dei suoi figli per il suo futuro».

L’abrogazione, perlomeno della rata di giugno, dell’Imu dovrebbe avvenire nei prossimi dieci giorni attraverso decreto.

E’ abbastanza incredibile che questa venga ritenuta una priorità, nella situazione attuale del Paese. Ma tant’è: questo è un governo delle larghe intese, che deve sottostare alle condizioni di chi lo sostiene e di chi vuole porle.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →