Roma, cadavere carbonizzato in una villa a Formello: è omicidio

Il corpo ormai carbonizzato presentava evidenti ferite da arma da taglio. Sarà l’autopsia a chiarire le cause del decesso.

Doveva sembrare un suicidio o al massimo un tragico incidente, una morte su cui gli inquirenti non si sarebbero soffermati troppo. E invece il tentativo di coprire un omicidio è stato palese fin dal principio: è accaduto a Formello, alle porte della Capitale, dove nella tarda serata di ieri i vigili del fuoco sono stati chiamati per domare un incendio divampato in una villetta in via Monti di Marvalata.

Spento l’incendio, i vigili hanno rinvenuto il corpo senza vita del proprietario della villetta, un 50enne romano con precedenti per furto, lesioni e ricettazione. Il cadavere, ormai carbonizzato, presentava evidenti ferite da taglio, segno che l’uomo è stato aggredito prima che venisse appiccato l’incendio.

Secondo la prima ricostruzione degli inquirenti, il 50enne sarebbe stato ucciso in salotto. L’assassino l’avrebbe aggredito con un oggetto contundente non ancora identificato e poi avrebbe dato fuoco all’abitazione nel tentativo di coprire il delitto.

Del caso si stanno occupando i carabinieri del Nucleo investigativo di Ostia e quelli del Nucleo operativo Cassia. L’autopsia, necessaria a chiarire le cause del decesso, sarà eseguita nelle prossime ore. Intanto i rilievi della villetta data alle fiamme proseguono.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →