Delitto di Perugia: Luca Lalli sostiene che non c’è stata violenza su Meredith

L’avevamo già anticipato in un articolo di qualche giorno fa, e il medico legale Luca Lalli l’ha ribadito ieri in un’intervista rilasciata a Studio Aperto: “Violenza sessuale su Meredith non c’è stata. L’ho sempre detto e continuo a ribadirlo”. L’anatomo-patologo consegnerà stamani la relazione conclusiva riguardo all’autopsia eseguita sul corpo della studentessa inglese, ma intanto

kercherL’avevamo già anticipato in un articolo di qualche giorno fa, e il medico legale Luca Lalli l’ha ribadito ieri in un’intervista rilasciata a Studio Aperto: “Violenza sessuale su Meredith non c’è stata. L’ho sempre detto e continuo a ribadirlo”. L’anatomo-patologo consegnerà stamani la relazione conclusiva riguardo all’autopsia eseguita sul corpo della studentessa inglese, ma intanto precisa: “Sulla ragazza ci sono solo ecchimosi compatibili con un rapporto sessuale, ma potrebbe essere stato consumato anche nei giorni precedenti l’omicidio”. Aggiungendo:

La teoria della violenza sessuale è stata costruita dagli investigatori non so su quale base. Forse mi sono espresso male quando ho parlato, a proposito di questa ipotesi, di invenzione investigativa. Non intendo dire che gli investigatori si sono inventati la violenza sessuale. È un dato, ripeto, che non emerge dal punto di vista biologico e, dunque, è un dato investigativo per il quale non tocca a me, medico legale, trovare conferma.

Lalli spiega che Meredith è morta “per una componente sicuramente emorragica” e che la “morte è stata provocata dalla ferita al collo che ha attinto un vaso arterioso”. Riguardo la frattura dell’osso ioide che farebbe ipotizzare un tentativo di soffocamento precedente l’accoltellamento, dice: “Quella frattura, a mio giudizio, è un elemento collaterale”. Non si può quindi dire che sia precedente l’accoltellamento. Sul coltello, infine: “Il coltello non l’ho mai visto”, ma chiarisce comunque che la ragazza è stata colpita da “un’arma da punta e taglio”.

Si attende adesso che la perizia venga depositata, in modo che sia a disposizione anche dei periti nominati dal gip, Claudia Matteini, nell’ambito dell’incidente probatorio fissato per il 19 aprile prossimo.

Via | Quotidiano.net

Ultime notizie su Delitto di Perugia

Tutto su Delitto di Perugia →