Torino, investito ed ucciso bimbo di 7 anni, grave il padre: caccia al pirata della strada

Un bimbo di 7 anni è stato investito ed ucciso ieri pomeriggio a Torino, feriti anche il padre e la madre. Si cerca il pirata della strada in tutta la città


E’ ufficialmente partita a Torino la caccia all’auto pirata che ieri pomeriggio ha investito una famiglia di tre persone, uccidendo sul colpo un bimbo di 7 anni e riducendo in fin di vita il padre.

E’ accaduto intorno alle 16.45 in corso Peschiera, a due passi dal centro. I tre stavano attraversando la strada quando un’automobile, una Renault Clio di colore grigio chiaro, li ha travolti in pieno, scaraventandoli ad una quarantina di metri di distanza. Poi, senza preoccuparsi di prestare soccorso, l’automobili ha proseguito per la sua strada facendo perdere le proprie tracce.

Alessandro Sgrò, di appena 7 anni originario di Caselle, è deceduto sul colpo, mentre il padre Calogero, autotrasportatore di 53 anni, è ricoverato in gravi condizioni ed è già stato sottoposto a due interventi chirurgici per via del trauma cranico riportato . Ma madre, Simonetta Del Re, biologa di 46 anni, se l’è cavata con una gamba fratturata.

Dopo una nottata di ricerche, il pirata della strada non è stato ancora ritrovato. Le autorità hanno già lanciato un appello: chiunque sia in possesso di informazioni utili alla cattura dell’assassino è pregato di contattare la Centrale Operativa Polizia Municipale Torino, aperta giorno e notte, allo 011.4606060.

C’è una buona probabilità che la svolta possa arrivare domani, con la riapertura dei concessionari di auto. Lo conferma La Repubblica di Torino:

Gli Agenti della Squadra Infortunistica della Polizia Municipale hanno recuperato parte della mascherina anteriore dell’auto e di un fanale, con incisi numeri di matricola che, domani, con la riapertura dei concessionari auto, potrebbero permettere di identificare con certezza quasi assoluta il tipo di auto e altri importanti particolari.

Le ricerche continuano.