Serial killer a New York, le autorità confermano: “una sola mano dietro quei dieci omicidi”

C’è solo un serial killer dietro i dieci omicidi emersi a Long Island tra il dicembre 2010 e l’aprile dello scorso anno

E’ passato esattamente un anno dal primo macabro ritrovamento sulle spiagge di New York, nell’area di Long Island, tra la Gilgo e la Oak Beach: nel giro di cinque mesi, dal dicembre del 2010 all’aprile scorso, sono stati scoperti i resti di dieci persone – otto prostitute, un uomo ed un bambino – probabilmente uccise nel 1996.

Nel corso degli ultimi mesi si era fatta strada l’ipotesi che a massacrare quelle persone fossero stati tre serial killer diversi, ma ora le autorità di New York sono tornate a parlare del caso ed hanno confermato che c’è soltanto una persona dietro quei delitti, una persona non ancora identificata.

Non ci sono indizi, se si esclude l’ipotesi che il serial killer sia una persona della zona, qualcuno che conosce bene l’area di oltre 80 chilometri in cui sono stati abbandonati i resti. Nemmeno la ricompensa di 25 mila dollari è servita a qualcosa: sono arrivate oltre 1.200 segnalazioni, ma nessuna ha portato ad una pista concreta.

Le indagini proseguono.

Via | CNN

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →