Chi l’ha visto ultima puntata 26 giugno 2013

Tra i casi di questa sera ampio spazio verrà dedicato alla scomparsa, trentasette anni fa, di Alessandra Sandri, la ragazzina di Bologna finita forse nelle mani di alcuni pedofili

Chi l’ha visto, a differenza di quanto accaduto nelle scorse settimane, si conclude alle 23.30 e non a mezzanotte. Il caso di Sandra Sandri di cui si è parlato nel comunicato dell’ufficio stampa Rai, e a cui si è accennato a inizio puntata – precisando che se ne sarebbe parlato nel corso della trasmissione odierna – non è invece stato trattato, senza alcuna spiegazione.

Il mistero della scomparsa di Bruno Romano

La storia di Emanuela Orlandi e di Marco Fassoni Accetti introduce un vecchio caso rimasto irrisolto, quello della scomparsa di Bruno Romano, ragazzino figlio di zingari, di 12 anni, scomparso nell’inverno del 1997 a Roma. Le indagini allora fecero subito pensare al mondo della pedofilia. Numerose segnalazione a Chi l’ha visto portano alla pineta di Ostia, dove sarebbe stato sepolto il cadavere di Bruno. La stessa pineta di cui ha parlato più volte Accetti, in relazione alla morte di Josè Garramon. La trasmissione precisa però che non esistono prove di un coinvolgimento di Accetti nel caso di Bruno Romano, si tratta probabilmente solo di coincidenze.

La fiaccolata per ricordare Emanuela Orlandi e le novità delle indagini

Sabato scorso si è tenuta a Roma la fiaccolata in ricordo di Emanuela Orlandi, scomparsa esattamente 30 anni fa, il 22 giugno 1983. Maria Orlandi, la mamma di Emanuela, racconta le emozioni della giornata a Fiore Di Rienzo. Si parla anche delle ultime dichiarazioni del procuratore Capaldo, secondo cui la ragazza scomparsa è morta, e delle dichiarazioni di Marco Fassoni Accetti, secondo cui invece la Orlandi è viva. Maria Orlandi lancia un appello a chi sa, chiedendo la verità sulla fine di sua figlia.

Viene poi dato conto di una nuova testimonianza, di una donna che tanti anni fa ha subito un tentativo di adescamento a Montesacro da un uomo, che ha poi pensato potesse essere Fassoni Accetti, vedendolo in trasmissione. La donna getta un sospetto: e se Accetti fosse implicato anche nella scomparsa di Bruno Romano, il ragazzino figlio di zingari napoletani scomparso da Roma nel 1997, dove viveva in una roulotte?

La scomparsa di Giovanni Solari

Nel savonese, in un bosco, è scomparso Giovanni Solari, 69 anni. Era il 16 giugno e l’uomo era andato nel bosco alla ricerca di funghi. L’auto di Solari, una panda 4×4, è stata ritrovata in un canalone, dove si era bloccata a causa del terreno dissestato. Nanni, così lo chiamano i familiari e gli amici, si allontana a piedi e scompare. La moglie e il figlio sono convinti che abbia perso l’orientamento. Le ricerche partono subito, e l’ultimo contatto coi familiari e coi soccorritori è delle due di notte. L’ultimo tentativo di contattare l’uomo è delle sette del mattino circa, poi la batteria del cellulare si è spenta. Da dieci giorni numerose squadre cercano Nanni Solari, senza successo. È rimasto nel bosco? È riuscito a venirne fuori ma ha perso la memoria? Qualcuno lo ha aiutato?

Gli omicidi stradali – il caso di Massimo Botti

Si torna ancora una volta a parlare di ‘omicidi stradali’, e la Sciarelli manda in onda alcuni video di terribili incidenti stradali accaduti in autostrada per mostrare quanto può essere pericoloso non rispettare le più comuni regole di correttezza stradale. In studio c’è ancora la Boldrini ospite, a commentare la campagna portata avanti dalla trasmissione.

Viene poi raccontata la storia di Massimo Botti, morto per un incidente stradale a Roma, travolto da un’auto di ragazzi che correvano a 120 km/h in una strada con il limite a 50.

Il caso di Murayo, scomparsa in Somalia e ritrovata in Italia

Laura Boldrini, presidente della Camera, è ospite in trasmissione per seguire le ricerche di una bambina scomparsa in Somalia venti anni fa, Murayo, forse portata dai militari italiani di stanza nel Paese in Italia per farla curare perché malata. La Boldrini, in qualità di portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, si era occupata nel 2008 di questo caso, per ritrovare la piccola. Il 9 giugno del 2008 la ragazza aveva chiamato in trasmissione con i suoi genitori adottivi, e la Boldrini si era impegnata per fargli incontrare nuovamente il padre e la sorella in Africa. Murayo è oggi ospite in studio con il Presidente della Camera, che racconta l’incontro della ragazza coi familiari e di come da questa storia sia nato un libro, scritto dalla Boldrini. Viene mandato in onda il commovente filmato dell’incontro della ragazza con il padre e la sorella.

L’allontamneto di Samantha Sibilla

Samantha Sibilla, 21 anni, è scomparsa da Monza martedì 18 giugno. I genitori sono preoccupati, perché è andata via con il ragazzo, un personaggio molto pericoloso e violento, che l’ha già malmenata più volte. I familiari e gli amici delle ragazze raccontano episodi di violenza inaudita.

L’attesa per la sentenza del caso Denise Pipitone

C’è grande attesa a Marsala per la sentenza per il rapimento della piccola Denise Pipitone che arriverà nelle prossime ore. L’avvocato Frazzitta di Piera Maggio, mamma della bambina scomparsa, è in diretta dal piazzale antistante al tribunale insieme all’inviato Gianloreto Carbone. Il legale non vuole sbilanciarsi su quanto si aspettano da questa sentenza, preferendo aspettare il pronunciamento della giustizia.

Con un servizio si ripercorrono le vicende che hanno portato a processo Jessica Pulizzi, accusata del rapimento della sorellastra, compiuto il 1 settembre del 2004, in concorso con l’ex fidanzato. L’inviata di Chi l’ha visto cerca di intervistare uno degli avvocati della Pulizzi, noto penalista di Palermo, che si rifiuta però di parlare e rispondere alle domande.

La scomparsa di Margherita Cecchi

La trasmissione, dopo i consueti appelli urgenti, concentra l’attenzione sulla scomparsa di Margherita Cecchi, la quindicenne scomparsa l’8 giugno da Parma, scappata con un ragazzo molto più grande di lei, Rudi, 27 anni, tossicodipendente. A gennaio Margherita conosce Rudi e cambia: piercing, capelli rasta, droghe. Dopo la scuola la ragazzina va a casa di lui, dove resta fino a tardi, e a volte proprio non torna dai suoi, che sono separati. Il progetto dei due era di fuggire in Spagna, e così succede. Il 17 giugno i carabinieri, ai quali i genitori hanno presentato denuncia, chiamano il telefono della ragazzina, ma risponde lui e rifiuta di passare il cellulare a Margherita. L’ultima volta i due sono stati visti a Ventimiglia, a un Sert, dove hanno chiesto dosi massiccie di metadone. L’inviato della trasmissione raccoglie la testimonianza di una ragazza che per parecchio tempo è stata succube di Rudi, descritto come un ragazzo molto violento. Viveva con lui, dopo essere scappata di casa, faceva massiccio uso di droghe e subiva continue violenze fisiche.

Chi l’ha visto anticipazioni puntata 26 giugno 2013

Torna questa sera su Raitre il consueto appuntamento del mercoledì con Chi l’ha visto, la trasmissione condotta da Federica Sciarelli che cerca le persone scomparse e analizza alcuni misteri di cronaca dei nostri giorni. Tra i tanti casi affrontati questa sera, particolare attenzione verrà dedicata al caso di Alessandra Sandri, la ragazzina scomparsa a Bologna il 7 aprile 1975, probabilmente per mano di un gruppo di pedofili. Da allora non si è più saputo nulla, ma ora un nuovo inquietante particolare riapre il caso. Un uomo, che forse sapeva la verità sulla fine fatta da Alessandra, è scomparso, o forse è stato fatto sparire. L’uomo conosceva bene i protagonisti di questa terribile storia e qualcuno dice che volesse denunciare i responsabili della sparizione della bambina. È stato ucciso per farlo tacere? Anche oggi la puntata del programma andrà avanti fino a mezzanotte, con la nuova rubrica dedicata a Le storie di Chi l’ha visto. Su Crimeblog il consueto liveblogging della puntata.

Ultime notizie su Emanuela Orlandi

Tutto su Emanuela Orlandi →