Pdl “squagliato”. Governo in… “mano” a Fini?

Ci siamo, ci siamo. Chi pensava al solito teatrino all’italiana si dovrà ricredere. Sta peggio chi credeva ancora nelle “divine” doti del Cavaliere, sempre e comunque capace di affrontare ogni nodo e scioglierlo. Qui, di fatto, si scioglie il partito padronale del “predellino”, per implosione interna, che decreta il fallimento di Berlusconi su tutta la

Ci siamo, ci siamo. Chi pensava al solito teatrino all’italiana si dovrà ricredere.

Sta peggio chi credeva ancora nelle “divine” doti del Cavaliere, sempre e comunque capace di affrontare ogni nodo e scioglierlo.

Qui, di fatto, si scioglie il partito padronale del “predellino”, per implosione interna, che decreta il fallimento di Berlusconi su tutta la linea.

I finiani (almeno 33 deputati, ma voci certe assicurano che il numero andrà ben oltre) sono pronti all’espulsione dal partito.

Poco dopo le 19 di oggi è atteso il provvedimento di espulsione o di sospensione formulato dall’Ufficio di presidenza del Pdl. Documento che, secondo i finiani, “riceverà una risposta adeguata”.

I primi 33 deputati avrebbero già firmato la richiesta di costituzione di un nuovo gruppo parlamentare (alla Camera servono 20 deputati), almeno altri 10 sarebbero pronti a fare altrettanto.

Questi numeri mettono la golden share del governo nelle mani di Fini.

Berlusconi addio? Solo un miracolo, stavolta, può salvare il Cavaliere.