Camorra, estorsioni e incendi: 5 arresti a Maddaloni

Operazione congiunta di carabinieri e polizia. Gli arrestati sarebbero vicini al clan Belforte di Marcianise.

di remar

12.58 – I nomi dei presunti affiliati al clan Belforte finiti in manette sono: Luca Aprea, di 39 anni, Rosa Farina, 25 anni, Vincenzo Cafarelli, di 60, Vittorio Lai, 36 anni, e Francesco Cirillo, di 39. Alla ragazza sono stati concessi gli arresti domiciliari. Le ordinanze di custodia cautelare erano state richieste del pubblico ministero Landolfi della Dda partenopea. Aprea, Lai e Cirillo sono accusati di aver tentato di estorcere nel 2011 3mila euro a un imprenditore di Marcianise. Cafarelli e Farina invece nell’aprile scorso avrebbero dato alle fiamme uno dei negozi della catena di esercizi dello stesso imprenditore che si rifiutava di sottostare alle richieste di pizzo.

Una tentata estorsione e un incendio. Per queste accuse, aggravate dal metodo mafioso, sono stati arrestati questa mattina 5 presunti appartenenti a un clan di Maddaloni, nel casertano, considerati a loro volta legati all’organizzazione camorristica nota come clan Belforte con base a Marcianise ma attiva appunto anche a Maddaloni, Capodrise e San Marco Evangelista, sempre nella provincia di Caserta.

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri della compagnia di Maddaloni e dai poliziotti della questura di Caserta, l’operazione congiunta è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli.

(in aggiornamento)

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →