Omicidio Paolo Vivacqua a Desio: indagini in Sicilia

Desio, omicidio Paolo Vivacqua: spunta una pista che conduce in Sicilia. Dietro il delitto forse movente economico

di remar


Una pista porta in Sicilia. Gli inquirenti che si occupano dell’omicidio di Paolo Vivacqua, l’imprenditore di 52 anni ucciso a Desio lunedì, hanno dato una direzione precisa alle indagini. Ad uccidere Vivacqua sarebbe stato un killer professionista, arrivato a Desio dalla Sicilia, forse dall’Agrigentino, forse proprio dal paese di origine della vittima, Ravanusa. Secondo chi indaga dietro l’omicidio potrebbe esserci un movente di tipo economico.

Paolo Vivacqua non era mai stato coinvolto in alcuna inchiesta di mafia o ‘ndrangheta, ma lavorava in un settore in cui gli interessi del crimine sono molto radicati. In passato era finito in carcere e poi agli arresti domiciliari con l’accusa di evasione fiscale. Secondo gli inquirenti nella sua vita c’era un grande giro di soldi, che gli permettevano di condurre una vita agiata.

Via | Agrigento Notizie