USA, bimbo ucciso tra le braccia del padre: 16enne condannato a 90 anni di carcere

Si è trattato di un tragico errore: Dokins ha rivelato di aver scambiato Mauro Cortez per uno dei nemici della propria gang. A perire sotto i colpi di pistola è stato un bimbo di appena 1 anno.

90 anni di carcere. È questa la pena inflitta venerdì al 16enne Donald Ray Dokins, giudicato colpevole lo scorso aprile di omicidio di primo grado e tentato omicidio in relazione a una sparatoria avvenuta nel giugno dello scorso anno a Los Angeles.

Dokins, 15enne all’epoca dei fatti, era un membro attivo dei “Fudgetown Mafia Crip”, una banda criminale di Watts, quartiere a sud di Los Angeles. Quella tragica mattina si avvicinò in bicicletta all’abitazione di Mauro Cortez, 24 anni, che stava prendendo il sole in giardino mentre stringeva tra le braccia il figlio di appena 1 anno, Angel Cortez Nava.

L’adolescente, armato di pistola, aprì il fuoco contro il giovane padre. Due colpi raggiunsero il piccolo allo stomaco e lo uccisero all’istante, mentre il padre fu ferito in modo non grave a una spalla. La caccia all’uomo partì immediatamente e fu anche messa una taglia da 50 mila dollari per chiunque riuscisse a fornire informazioni utili alla cattura dell’autore di quel folle gesto.

Donald Ray Dokins fu arrestato circa tre settimane dopo e venerdì, a poco più di un anno da quell’omicidio, è stato condannato a 90 anni di carcere, una pena così alta arrivata dopo la decisione di giudicare il giovane, ancora minorenne, come un adulto. Nel leggere la sentenza, il giudice Patrick Connolly si è rivolto al giovane assassino:

Non avrai mai più l’opportunità di uccidere altre vittime innocenti. Oggi non sei in grado di mostrare alcun rimorso, ma spero che a un certo punto della tua vita ne sarai capace. Un uomo può cambiare la profondità e la sostanza dei propri sentimenti.

Il delitto, è emerso nel corso del procedimento, è collegato alla rivalità tra gang locali. Mauro Cortez, però, non faceva parte di alcuna banda. Si è trattato di un tragico errore: il giovanissimo Dokins ha rivelato di essere solito girare per le strade del quartiere alla ricerca dei “nemici” della sua gang e di aver scambiato Cortez per uno di loro.

I Video di Blogo.it