Rassegna stampa estera: Berlusconi e il suo governo

Quando si parla del primo ministro italiano, la stampa estera drizza immediatamente le orecchie: non solo quando si tratta di notizie prettamente politiche, ma anche, spesso e volentieri, per parlare del “personaggio” Berlusconi. Lo svedese Svenska Dagbladet si è concentrato su una delle classiche gaffe del Cavaliere, che in Italia non ha suscitato molta eco:


Quando si parla del primo ministro italiano, la stampa estera drizza immediatamente le orecchie: non solo quando si tratta di notizie prettamente politiche, ma anche, spesso e volentieri, per parlare del “personaggio” Berlusconi.

Lo svedese Svenska Dagbladet si è concentrato su una delle classiche gaffe del Cavaliere, che in Italia non ha suscitato molta eco:

L’altro giorno ci ha fatto di nuovo ricordare per quale motivo non sia un primo ministro adatto al suo ruolo. In occasione di un incontro con ambasciatori e imprenditori dei paesi mediterranei, Berlusconi ha suggerito loro di portare in Italia “ragazze carine”. “Lo apprezzeremmo molto.” È la versione italiana di Jan O Karlsson (politico svedese noto per le sue gaffe, ndt).

La dichiarazione, di per se stessa, non dovrebbe sollevare alcun putiferio. Ma se la si considera nel quadro globale degli scandali di prostituzione dell’anno scorso, e dei suoi processi per corruzione tuttora pendenti, il commento diventa allora solo uno dei tanti sintomi della patologia della politica italiana.

Il brasiliano O Estado de São Paulo ha svelato i dettagli di un “festino” tenutosi durante la recente visita del premier in Sud-America:

Il “ballo del palo” o ballo della pertica, è stato definito dall’ufficio stampa del primo ministro italiano Silvio Berlusconi come parte del “tipico folclore” brasiliano. La nota ufficiale divulgata in Italia è stata una risposta al reportage pubblicato ieri dal giornale Estado de S.Paulo che ha scritto di un festino con sei ragazze alle quali ha partecipato il premier lunedì a S.Paolo. Per l´occasione c’è stata l’esibizione del sensuale ballo. L’ufficio stampa del governo ha spiegato: “Il presidente (del Consiglio dei Ministri) Berlusconi, accompagnato da persone del suo staff e da numerosi agenti della sua sicurezza, ha partecipato, su invito di un imprenditore, ad uno dei molti ricevimenti tenutisi in occasione della sua visita in Brasile. In tale circostanza è stato organizzato un breve spettacolo di folclore tipico con la partecipazione di alcuni artisti brasiliani”. La notizia ha fatto il giro del mondo durante la giornata di ieri.

In Francia Les Echos si è concentrato invece sulle sorti del governo presieduto da Berlusconi:

Nonostante l’erosione dei consensi e le dimissioni di due ministri nell’arco di due mesi, il governo dovrebbe sopravvivere all’estate, anche se Gianni Letta, uomo di fiducia di Berlusconi, ammette che la “stagione è soffocante e non soltanto a causa del tempo”. 
Tuttavia è difficile dire cosa riserverà settembre. “Berlusconi si trova di fronte ad un’opposizione interna che, se non verrà sconfitta o arginata, potrebbe far cadere il governo”, pronostica James Walston, professore di scienze politiche all’Università americana di Roma. La rivalità tra Berlusconi e Gianfranco Fini, presidente della camera dei deputati e co-fondatore del partito del Popolo della libertà del “Cavaliere”, è all’apice. Dopo aver a lungo deplorato la mancanza di libertà di parola all’interno del partito, Fini si oppone fermamente ad un progetto di legge che prevede di limitare l’uso delle intercettazioni telefoniche nelle inchieste della polizia e di punire i giornalisti che ne pubblicheranno il contenuto.
 Gli analisti non danno vita lunga ad una coalizione i cui due principali dirigenti passano il loro tempo ad evitarsi e si insultano non appena si trovano nella stessa stanza.