Lombardia: Il Tribunale respinge il ricorso del Movimento 5 Stelle contro l’ineleggibilità di Roberto Formigoni

Il Tribunale civile di Milano ha respinto il ricorso presentato dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che in collaborazione con l’avvocato Maurizio Steccanella ha provato a dimostrare l’ineleggibilità dell’attuale Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.In seguito al pronunciamento della sentenza i Radicali attraverso un comunicato stampa, di cui da notizia anche Giuseppe Civati sul


Il Tribunale civile di Milano ha respinto il ricorso presentato dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che in collaborazione con l’avvocato Maurizio Steccanella ha provato a dimostrare l’ineleggibilità dell’attuale Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni.

In seguito al pronunciamento della sentenza i Radicali attraverso un comunicato stampa, di cui da notizia anche Giuseppe Civati sul proprio blog, hanno fatto sapere di voler proseguire la contestazione già avviata dal Movimento 5 Stelle.

Per farlo aspettano la pubblicazione del documento di convalida dell’elezione di Roberto Formigoni. Tale certificato, come spiegato da Marco Cappato e Lorenzo Lipparini al Corriere della Sera, sarebbe l’unica prova impugnabile per contestare il quarto mandato dell’attuale Presidente della Lombardia.

Le modalità della mozione decise dai Radicali sono le stesse seguite dal Movimento 5 Stelle dell’Emilia Romagna che, a differenza di quello lombardo, ha aspettato la pubblicazione del documento di convalida per provare a tutti l’ineleggibilità di Vasco Errani (Pd).

Contro la contestazione di Giovanni Favia, che per il Movimento 5 Stelle sta seguendo a Bologna lo sviluppo giudiziario del ricorso contro l’attuale Presidente dell’Emilia-Romagna, si era già detto contrario un collega di partito dello stesso Errani, Thomas Casadei.

I ricorsi contro Roberto Formigoni e Vasco Errani, come già sottolineato anche da noi nelle scorse settimane, non sono gli unici che dopo le elezioni regionali sono stati fatti contro un neo Governatore.

Nelle scorse settimane, infatti, si è scoperto che solo una delle diciannove firme della lista “Pensionati per Cota” era vera. La notizia potrebbe diventare determinante nel ricorso fatto dall’ex Governatore del Piemonte, Mercedes Bresso, contro Roberto Cota, attualmente in carica per la Lega Nord.

La sentenza del ricorso, prevista per lo scorso 1° luglio, è stata posticipata a giovedì prossimo, 15 luglio.

Ultime notizie su Elezioni regionali

Tutto su Elezioni regionali →