Video porno con uccisioni di animali: pesci rossi e altro

Dopo l’episodio del ragazzo che faceva sesso col cane in garage, ecco una storia che supera il sesso con gli animali e degenera nel 544 bis codice penale, se non altro. Video fetish con animali: dice Città Oggi, “una donna quarantenne di origine piemontesi, residente a Rho, resasi colpevoli di essersi ripresa, in abiti succinti,

di

Dopo l’episodio del ragazzo che faceva sesso col cane in garage, ecco una storia che supera il sesso con gli animali e degenera nel 544 bis codice penale, se non altro. Video fetish con animali: dice Città Oggi, “una donna quarantenne di origine piemontesi, residente a Rho, resasi colpevoli di essersi ripresa, in abiti succinti, mentre sottoponeva animali – tra cui pesci rossi – a torture e uccisioni, e di avere poi pubblicato in rete i filmati”. Il sito è stato oscurato, dei video anche volendo non c’è traccia. La zoofilia in Italia non è reato, quindi il sesso con gli animali non è illegale di per sè, ma lo è invece il fatto di uccidere in modo crudele ossia senza alcuna necessità, così come il maltrattamento e l’impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate.