Ore 12 – Berlusconi chiude la partita e “fugge” col pallone. Vuole scegliersi, oltre l’arbitro, anche i giocatori avversari

Se lo dice lui, portavoce ufficiale di “rimbalzo”, come non credere allo sbando della maggioranza? Vittorio Feltri titola la prima pagina del Giornale: “Il Governo nel pallone, non si capisce più nulla”. Poi prosegue: “Berlusconi sconfessa le correnti Pdl. Bossi fa dietrofront sul calcio ma attacca sui ministeri e sulla Padania. Manovra e legge sulle

Se lo dice lui, portavoce ufficiale di “rimbalzo”, come non credere allo sbando della maggioranza?

Vittorio Feltri titola la prima pagina del Giornale: “Il Governo nel pallone, non si capisce più nulla”. Poi prosegue: “Berlusconi sconfessa le correnti Pdl. Bossi fa dietrofront sul calcio ma attacca sui ministeri e sulla Padania. Manovra e legge sulle intercettazioni sono impantanate. E’ il virus Fini”.

Ecco, ci siamo. C’è Fini nel mirino. Serve il capro espiatorio per coprire il fallimento di Berlusconi e del suo governo del fare … danni.

L’Italia non è solo nel pallone per la Nazionale e i mondiali di calcio. Qui nel pallone c’è Berlusconi, c’è il Governo, c’è la maggioranza tutta.

La strategia è chiara. Ribaltare il tavolo. Rubare e fuggire col pallone. Io non gioco più. Partita e campionato senza più regole. Scegliersi, oltre l’arbitro, anche i giocatori avversari.

Farsi regole a proprio uso e consumo. Gioco “truccato”.

Quindi si va alla resa dei conti. Ma, la storia insegna, non sempre i conti tornano.