Legge intercettazioni al voto. Il testo

Oggi è il fatidico giorno in cui si voterà la nuova legge sulle intercettazioni, o “legge bavaglio” com’è stata soprannominata dalle opposizioni. Al di là delle singole opinioni, sulle quali s’è già dibattuto alla nausea, vediamo come sarà il contenuto del testo.Chi si può intercettare. Solo i presunti colpevoli di reati che prevedano pene superiori

di luca17


Oggi è il fatidico giorno in cui si voterà la nuova legge sulle intercettazioni, o “legge bavaglio” com’è stata soprannominata dalle opposizioni. Al di là delle singole opinioni, sulle quali s’è già dibattuto alla nausea, vediamo come sarà il contenuto del testo.

Chi si può intercettare. Solo i presunti colpevoli di reati che prevedano pene superiori ai 5 anni.

Per quanto tempo. La durata massima prevista sarà di 75 giorni, trascorsi i quali si potrà richiedere una proroga di 3 giorni in 3 giorni.

Pene pecuniarie. I giornalisti rischieranno fino a 10.000 euro o 30 giorni di carcere. Gli editori multe da 300 a 450mila euro. Tutto questo in caso di pubblicazione di intercettazioni o atti prima della conclusione delle indagini. Se queste sono in corso gli atti potranno comunque essere pubblicati, ma solo in modo riassuntivo.

Rapporti col clero. Se l’intercettato appartiene al clero sarà necessario avvisare la diocesi. Se un alto espeonente la segreteria di Stato del vaticano.

Cimici. Sarà vietato nascondere microfoni in luoghi privati al fine di registrare le conversazioni.

Ricrodiamo che il governo ha posto la fiducia, blindando di fatto il provvedimento che – salvo eventi clamorosi – dovrebbe passare senza problemi.