Berlusconi e l’art. 41 della Costituzione: una norma sovietica?

Ci risiamo. A intervalli più o meno regolari il premier torna sulla Carta costituzionale che, a quanto pare, proprio non gli va a genio. L’aveva già definita “sovietica” nel 2003 quando, parlando dal palco dell’Assemblea Generale di Confindustria a Torino, aveva criticato l’art. 41 che disciplina i diritti dell’iniziativa economica privata. Ed è proprio l’art. 41 a tornare alla ribalta nel discorso che Berlusconi ha tenuto oggi all’Assemblea di Confartigianato. “La Costituzione è molto datata.” Ha affermato il Presidente del Consiglio “Si parla molto di lavoratori e quasi mai di impresa e di mercato”. Berlusconi ha quindi precisato l’importanza di revisionare l’art. 41 della Carta Costituzionale. “Vogliamo arrivare a un nuovo sistema in cui non si debbano chiedere più permessi, autorizzazioni, concessioni o licenze”, ha affermato, definendo i controlli previsti d

Ci risiamo. A intervalli più o meno regolari il premier torna sulla Carta costituzionale che, a quanto pare, proprio non gli va a genio. L’aveva già definita “sovietica” nel 2003 quando, parlando dal palco dell’Assemblea Generale di Confindustria a Torino, aveva criticato l’art. 41 che disciplina i diritti dell’iniziativa economica privata.

Ed è proprio l’art. 41 a tornare alla ribalta nel discorso che Berlusconi ha tenuto oggi all’Assemblea di Confartigianato.
“La Costituzione è molto datata.” Ha affermato il Presidente del Consiglio “Si parla molto di lavoratori e quasi mai di impresa e di mercato”. Berlusconi ha quindi precisato l’importanza di revisionare l’art. 41 della Carta Costituzionale.

“Vogliamo arrivare a un nuovo sistema in cui non si debbano chiedere più permessi, autorizzazioni, concessioni o licenze”, ha affermato, definendo i controlli previsti dalla Costituzione “una pratica da Stato totalitario, da Stato padrone che percepisce i cittadini come sudditi”. Parole che sono piaciute alla presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, che ha apprezzato “l’impegno del premier Silvio Berlusconi a una semplificazione molto forte. A partire dallo statuto per le imprese e poi a seguire con la modifica dell’art.41 della Costituzione. ”

Ma cosa sancisce di fatto l’art. 41? Ve lo riportiamo di seguito.

“L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.”

Qualcuno sa dirmi perché e dove avrebbe bisogno di essere modificato?