Incipit noir – Cronache di un disinfestatore

Omero controlla il tachimetro e pensa che suo padre odiava la velocità. Vorrebbe dirlo ad Ada ma di lei non trova altro che il riflesso dell’auto nello specchietto. Potrebbe telefonarle. Non lo fa, sarebbe ridicolo. Una Mancipium brassicae, farfalla dalle ali bianche, comunemente detta cavolaia, si incastra stra le spazzole del tergicristallo e comincia a

Omero controlla il tachimetro e pensa che suo padre odiava la velocità. Vorrebbe dirlo ad Ada ma di lei non trova altro che il riflesso dell’auto nello specchietto. Potrebbe telefonarle. Non lo fa, sarebbe ridicolo.
Una Mancipium brassicae, farfalla dalle ali bianche, comunemente detta cavolaia, si incastra stra le spazzole del tergicristallo e comincia a smembrarsi. Omero, che odia puntinature e striature di insetti sul vetro, aziona il tergicristallo e la spazza via.
L’autostrada taglia le colline e curva lievemente a sinistra, prima di entrare in galleria. Omera torna a guardare nello specchietto: dietro Ada ci solo la monovolume di Bartolomeo e la spider di Sandra. Nessun altro. Sequenza rapida di luci e l’uscita è già l’. Il digitale segna le nove: troppo tardi per rallentare.

Cronache di un disinfestatore – Giuseppe Furno (Atì editore). La storia di Omera Cagidiaco, chimico ed entomologo per cultura, egotista per natura. Una storia di due giorni che è l’epilogo di cinquant’anni di errori. Un viaggio con un “cavaliere picaresco e solitario” che combatte contro tutti per proteggere la sua vita dalla cattiveria del prossimo…

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia