Cosenza, litiga con una donna e la investe: Gianluca Bevilacqua arrestato per omicidio volontario

E’ finito in manette ieri l’assassino di Emilia Cupone, investita ed uccisa di proposito. Si tratta di un 34enne con problemi psichici, ora in manette con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato


Investita da un’automobile e travolta più e più volte. E’ morta così, a Roggiano Gravina (CS), la 50enne Emilia Cupone, la cui unica colpa è stata quella di litigare con la persona sbagliata.

Non si è trattato, infatti, di un incidente, ma di un vero e proprio omicidio volontario. Ad ucciderla è stato il 34enne Gianluca Bevilacqua, un uomo con disturbi psichici in cura presso l’ospedale di Cosenza.

All’origine dell’omicidio, stando a quanto ricostruito da alcuni testimoni oculari, un banale litigio: l’uomo, a bordo della sua auto, in un primo momento si è allontanato, poi ha fatto inversione ed ha investito la donna, passandole sopra diverse volte.

Alcuni testimoni sono riusciti a prendere il numero della targa e nel giro di poche ore l’assassino è stato rintracciato nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Cosenza.

Per lui sono subito scattate le manette con la pesante accusa di omicidio volontario pluriaggravato dai futili motivi e da crudeltà contro la persona.

Via | Il Giornale Di Pozzallo