Le pagelle del sabato

Romano Prodi: commiato. Voto n.c. Nel suo ultimo discorso da premier Romano Prodi ha rivendicato i meriti del suo governo che “ha salvato il Paese che era uno zimbello della Ue, ha risanato in venti mesi i conti pubblici”. Prodi ha anche rivendicato meriti personali: “E’ raro vincere per due volte le elezioni con un

Romano Prodi: commiato. Voto n.c. Nel suo ultimo discorso da premier Romano Prodi ha rivendicato i meriti del suo governo che “ha salvato il Paese che era uno zimbello della Ue, ha risanato in venti mesi i conti pubblici”. Prodi ha anche rivendicato meriti personali: “E’ raro vincere per due volte le elezioni con un avversario dotato di un’organizzazione di mass media formidabile e senza confronti in tutti gli altri Paesi occidentali”. Parafrasando Mina “Parole, parole …”

Michele Santoro: annozero. Voto – 8. Il popolare conduttore ripropone nella sua polemica trasmissione frasi di Beppe Grillo del V-Day torinese in cui il comico/politico insultava “Morfeo”, alias il presidente Napolitano e “Cancronesi”, l’oncologo Veronesi. Il presidente della Rai Claudio Petruccioli (Pd) ha accusato Santoro per aver diffuso i lunghissimi stralci diffamatori aggiungendo anche che “una tale vergogna non si ripeterà”. Come le ciliegie, una vergogna tira l’altra.