Omicidio Rea: i pm vogliono sentire l’amica del cuore di Melania

Omicidio Melania Rea: Gli inquirenti nei prossimi giorni sentiranno di nuovo l’amica del cuore della vittima

di remar


La procura di Teramo sentirà di nuovo una delle migliori amiche di Melania Rea, la giovane mamma di Somma Vesuviana uccisa a coltellate e trovata cadavere il 20 aprile scorso a Ripe di Civitella. La donna, R.I., sarebbe stata la prima a dire che la vittima era a conoscenza dei tradimenti del marito, il caporalmaggiore Salvatore Parolisi, unico indagato per l’omicidio di Melania, in carcere dallo scorso 19 luglio.

Cosa cercano gli inquirenti? Si sa che Melania due giorni prima di essere uccisa aveva telefonato all’amica del cuore dicendole di aver scoperto un segreto, qualcosa “di molto brutto”. Da Abruzzo Web:

Non si può escludere che ci sia qualcosa legato “a quel segreto torbido e inconfessabile” che stando a quanto scrive il gip Giovanni Cirillo potrebbe essere alla base del movente dell’efferato delitto.Agli investigatori la donna ha raccontato di aver ricevuto una telefonata da Parolisi il 19 aprile che la stessa ha definito “anomala”, dal momento che in 13 anni di conoscenza non vi era mai stato prima un contatto telefonico.

Nell’ordinanza del gip Cirillo in merito si legge:

“Quando Parolisi l’ha chiamata le ha chiesto se aveva sentito al telefono Melania il 18, ottenendo risposta negativa; quindi le ha riferito di aver acquistato un paio di stivali che avrebbe regalato alla moglie per il loro anniversario di matrimonio, ricadente il 26 aprile; che successivamente Parolisi, venuto a conoscenza delle dichiarazioni rese da R. I. agli inquirenti, ha chiesto di parlare, l’ha incontrata nei pressi dell’abitazione dei genitori di Melania dove l’ha invitata a smentire la storia della crisi tra loro e ha rinnovato la domanda se avesse sentito telefonicamente Melania il 18 aprile”.

Intanto la Procura Ascoli ieri ha smentito di aver avviato un’inchiesta sugli eventuali profili penali relativi ai rapporti fra gli istruttori del 235° Reggimento Piceno e le reclute femminili.



Questo mentre gli avvocati di Salvatore Parolisi sono al lavoro per completare la memoria difensiva in vista dell’udienza di lunedì prossimo al tribunale del Riesame dell’Aquila che si pronuncerà sulla richiesta di scarcerazione del caporalmaggiore.

Via | Abruzzo web

Ultime notizie su Melania Rea

Tutto su Melania Rea →