Pdl: la rivincita di Sandro Bondi. Silvio Berlusconi allontana Denis Verdini

Anche il Popolo delle Libertà potrebbe seguire l’esempio di Pierferdinando Casini, pronto a riformare l’Udc subito dopo le elezioni regionali. Lo scandalo riguardante la Protezione Civile e straripante in aree attigue sarà probabilmente la scusa ufficiale di tale cambiamento.Secondo quanto sostenuto nei giorni scorsi da La Stampa, Silvio Berlusconi non avrebbe digerito le iniziative che



Anche il Popolo delle Libertà potrebbe seguire l’esempio di Pierferdinando Casini, pronto a riformare l’Udc subito dopo le elezioni regionali. Lo scandalo riguardante la Protezione Civile e straripante in aree attigue sarà probabilmente la scusa ufficiale di tale cambiamento.

Secondo quanto sostenuto nei giorni scorsi da La Stampa, Silvio Berlusconi non avrebbe digerito le iniziative che Denis Verdini (coordinatore nazionale del PdL) avrebbe preso sfruttando il suo nome.

Sempre secondo le indiscrezioni riportate dal giornale di Mario Calabresi, in attesa di giudizio, l’uomo sarà allontanato dalla poltrona che occupa. I suoi incarichi saranno affidati, probabilmente, a Sandro Bondi pronto a lasciare il Ministero dei Beni Culturali.

Al suo posto dovrebbe arrivare Paolo Bonaiuti. L’attuale portavoce del Presidente del Consiglio, già candidato al Ministero di Sandro Bondi prima ancora che fosse affidato al poeta, dovrebbe essere sostituito da Mara Carfagna.

L’attuale Ministro per le Pari Opportunità ha già però fatto sapere di non voler lasciare il proprio posto adempiendo fino alla fine del suo mandato.

Lavoro che Guido Bertolaso, prima di essere coinvolto in una serie di inchieste, avrebbe affidato ad altri per diventare Ministro. Per sostituire, probabilmente, Sandro Bondi.

Già. Le coincidenze.