Sport tradizionali – Dalla Toscana a Verona giocando alla Lippa

Diffuso principalmente in Toscana, la lippa è un gioco popolare, considerato da molti un vero sport. In altre regioni italiane esistono varianti locali con diverse denominazioni dialettali ma regole analoghe. Per giocare sono necessari due pezzi di legno, generalmente simili per forma a manici di una scopa, uno della lunghezza di uno di circa 15

Diffuso principalmente in Toscana, la lippa è un gioco popolare, considerato da molti un vero sport. In altre regioni italiane esistono varianti locali con diverse denominazioni dialettali ma regole analoghe.

Per giocare sono necessari due pezzi di legno, generalmente simili per forma a manici di una scopa, uno della lunghezza di uno di circa 15 cm di lunghezza con le estremità appuntite, l’altro di lunghezza circa 50 cm.

Tracciato a terra un cerchio, bisogna colpire con il bastone lungo le estremità appuntite di quello corto, facendolo saltare una prima volta per poi ribatterlo nuovamente mentre è in volo, cercando di indirizzarlo all’interno del cerchio stesso. Esiste una variante del gioco consiste nel lanciare il pezzo piccolo quanto più lontano possibile.

La lippa ha un vocabolario dialettale toscano molto colorito, anche se secondo alcuni il termine lippa proviene dal Nord:

“Correre come una lippa” , “andare come una lippa” sono espressioni ancora largamente in uso nel Nord Italia. La lippa, termine lombardo, è un bastoncino dalle estremità appuntite (in veronese S-cianco), che da il nome ad un antico gioco popolare dalle origini incerte ma sicuramente antichissime (il ricercatore Marco Fittà ha ultimamente riscoperto alcuni reperti egizi risalenti alla seconda dinastia al Petrie Museum di Londra). Ogni località lo chiama con un nome diverso ma il gioco è ugalmente appassionante.

Vedi l’ottimo sito dell’Associazione Giochi Antichi di Verona, e l’immancabile sito Figest anche per eventi e tornei!