Omicidio Yara Gambirasio: “polvere da cantiere nei polmoni”, lo sostiene Telelombardia

Le indagini sull’omicidio di Yara potrebbero essere vicine ad una svolta: sembra che nei suoi polmoni siano stata ritrovate polveri compatibili con quelle dei cantieri. Si torna a cercare a Mapello?


Continuano le indiscrezioni sull’omicidio di Yara Gambirasio: se da un lato sembra sia stato isolato il Dna dell’assassino, dall’altro tutte le comparazioni fatte finora (oltre 2500) non hanno dato alcun riscontro.

Dove cercare allora? L’ultima indiscrezione, emersa durante la trasmissione televisiva Iceberg su Telelombardia, suggerisce di cercare nei cantieri della zona. Questo perchè, secondo la fonte, durante l’autopsia effettuata sul corpo di Yara sarebbero state trovate tracce di polveri compatibili con quelle che respirano gli operai impiegati nei cantieri.

Questo dettaglio, “trapelato da una fonte veramente molto qualificata che ha avuto modo di seguire l’autopsia sul corpo di Yara“, si aggiunge a quello emerso nell’aprile scorso: l’anatomopatologa Cristina Cattaneo aveva ritrovato alcuni filamenti di juta nel retro dei leggings indossati da Yara, compatibili con i sacchi utilizzati nell’edilizia.

Alla luce di questa nuova indiscrezione, non è escluso che l’attenzione degli inquirenti si sposterà di nuovo sul cantiere ex Sobea di Mapello, più volte setacciato nel corso delle indagini, e sugli operai che vi hanno lavorato.

Maggiori dettagli saranno resi noti nel corso dei prossimi giorni.

Via | BergamoSera

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →