Arrestato il latitante Vito Marino a Paceco

Vito Marino era ricercato per la strage nella villa di Urago Mella: una famiglia sterminata


Il latitante Vito Marino, 45 anni, è stato arrestato nella notte dai carabinieri a Paceco, Trapani. Qurantacinque anni è il figlio di Girolamo, detto “Mommu u nanu”, ucciso in un agguato alla fine degli Ottanta.

Marino è stato bloccato in un’auto in località Locogrande; era in compagnia di un amico, arrestato per favoreggiamento. Sulla vettura erano installate apparecchiature per captare sistemi di video-sorveglianza e per intercettazioni.

Ora il 45enne dovrà scontare una condanna all’ergastolo per la strage nella villa di Urago Mella (Brescia) del 28 agosto 2006 in cui fu sterminata una famiglia. Angelo Cottarelli, la moglie e il figlio Luca di 17 anni furono uccisi a coltellate.

I cadaveri vennero trovati in un lago di sangue e con le mani legate. Secondo la pubblica accusa Cottarelli e famiglia sarebbero stati assassinati per contrasti sorti sulla spartizione di alcune somme truffate all’Ue.

Insieme a Vito Marino è stato condannato all’ergastolo per quel triplice omicidio anche il cugino Salvatore, arrestato dai carabinieri a dicembre dell’anno scorso in Spagna.

I due erano stati assolti in primo grado, una perizia medica voluta dalla difesa attestava che l’ora della morte di una delle vittime non era compatibile con la presenza nella villa dei cugini. La Corte di Assise di Appello di Brescia l’anno scorso li ha invece condannati all’ergastolo.

Via | Live Sicilia