Pedofilia a Vicenza: sequestrato materiale pedopornografico in casa del pediatra Domenico Mattiello

Oggi, nel carcere di Vicenza, si terrà l’interrogatorio del pediatra pedofilo Domenico Mattiello, fermato in flagranza di reato mentre stava visitando una bambina di 3 anni. Per lui l’accusa è di violenza sessuale su minore


Continuano ad emergere dettagli sull’arresto del pediatra 64enne Domenico Mattiello, finito in manette a Vicenza con l’accusa di violenza sessuale su minore.

Ad incastrarlo, oltre ai filmati della polizia, ci sarebbero anche dei video privati che il 64enne avrebbe girato di nascosto mentre visitava e molestava i piccoli pazienti.

Una videoripresa che fa vedere atti sessuali su una minore di tre anni, è una prova granitica. Non voglio entrare nei particolari, ma le prove sono evidenti. Oltre allo smarrimento e lo sconcerto per quanto avvenuto, c’è anche la soddisfazione di aver scoperto questo reato. Ora andremo a ritroso, ma siamo sicuri che quanto avvenuto almeno non potrà ripetersi.


A parlare è il procuratore di Vicenza Paolo Pecori, che ha confermato il sequestro di materiale avvenuto in casa dell’uomo. Al momento tale materiale è al vaglio degli inquirenti.

In molti, anche alcuni utenti di CrimeBlog, leggendo di questa drammatica vicenda si sono chiesti: dov’erano i genitori mentre quest’uomo visitava i loro figli? La risposta l’ha fornita il questore Angelo Sanna:

Sicuramente quando i genitori portano i figli a fare una visita entrano nello studio medico; ma a quanto risulta a noi, questo non avveniva all’asilo visto che si trattava di visite periodiche, che avvenivano anche con una certa frequenza. In questo senso un pediatra è la persona più fidata che ci sia, quindi le maestre e le operatrici si sentivano assolutamente tranquille. Nessuno poteva pensare minimante a quello che poi abbiamo scoperto.

Alla luce di questi nuovi dettagli, la situazione di Mattiello potrebbe presto peggiorare: alla già grave accusa di violenza sessuale su minore potrebbero aggiungersi presto quella di produzione di materiale pedopornografico.

Il suo interrogatorio, che si svolgerà nel carcere di Vicenza, è previsto per la giornata di oggi. Le indagini proseguono.

Via | Il Gazzettino