Crolla il Pil: Italia ko! E il “pifferaio magico” di Arcore racconta barzellette …

Perde un pezzo dietro l’altro, l’Italia del berlusconismo e del bipolarismo coatto. Il Belpaese del Governo del “fare”, del “fortuna che Silvio c’è”, della furbata dell’antipolitica (per fare la politica dei propri interessi), dell’opposizione caduta nella trappola del “pifferaio magico” di Arcore, è alla frutta. Con la crisi mondiale che presenta il conto. La favola

Perde un pezzo dietro l’altro, l’Italia del berlusconismo e del bipolarismo coatto.

Il Belpaese del Governo del “fare”, del “fortuna che Silvio c’è”, della furbata dell’antipolitica (per fare la politica dei propri interessi), dell’opposizione caduta nella trappola del “pifferaio magico” di Arcore, è alla frutta.

Con la crisi mondiale che presenta il conto. La favola del Paese che va, svanisce di colpo, con il ko del Pil (-4,9%!!!), peggior dato degli ultimi 40 anni. L’Italia è il fanalino di coda tra i grandi della Ue: le “balle” incoscienti e irresponsabili di Silvio Berlusconi non reggono più.

Ma, addirittura, la crisi è ancora più profonda e più generale: è dentro la società che ha perso valori e ideali, coesione e senso della Nazione, sotto i colpi della “malapolitica” dei partiti fatti e gestiti ad uso e consumo dei padri/padroni o dei cacicchi locali. La corruzione dilaga e gli scandali che esplodono sono solo l’iceberg di una realtà da paese da terzo mondo.

Titolo di Liberazione: “Favoletta”. E prosegue: “Gianni Letta prende le distanze dalle brutte persone, già arrestate, che hanno speculato sul terremoto, ma assolve ed esalta Bertolaso come “straordinario”. Eppure è evidente che c’è del marcio e che, preoccupati dell’indignazione tra i terremotati, stanno facendo di tutto per coprire l’assurda discrezionalità concessa alla Protezione civile. Che ha abbandonato la sua missione per gestire grandi appalti, prateria in cui si sono introdotti avventurieri senza scrupolo”.

Ci fermiamo qui.