Consultazioni al Quirinale, Laura Boldrini afona: «C’è bisogno di un governo prima possibile»

Il secondo incontro al Colle è fra il Presidente della Repubblica e il Presidente della Camera.

di

11.37: esce, attesissima dai giornalisti, Laura Boldrini. La Presidente della Camera indossa un maglioncino informale ed è pressoché afona.

Il che le consente di giustificarsi a priori per la brevità del suo intervento.

Che in effetti è proprio breve, esattamente come quello del collega Grasso.

«C’è bisogno di un governo prima possibile e quindi il Presidente esplorerà le strade per arrivare a questo scopo»

Poi, la Presidente della Camera si scusa ancora per essere senza voce e se ne va.

Laura Boldrini e Giorgio Napolitano

Consultazioni al Quirinale - Laura Boldrini da Giorgio Napolitano

Laura Boldrini, neoeletta Presidente della Camera, incontra Giorgio Napolitano per le consultazioni dopo che il Presidente della Repubblica ha già parlato con Pietro Grasso: è la prassi che vuole così.

Boldrini, candidata di Sel, rappresenta, in qualche modo, l’anima più a sinistra della Coalizione che, salvo sorprese clamorose, riceverà l’incarico di formare un Governo. O almeno di provarci.

Come il “collega” Grasso, Laura Boldrini vuole lanciare messaggi ecumenici e di speranza per il futuro.

«L’Italia ha bisogno di risposte, ha bisogno di crescita. C’è bisogno della collaborazione di tutte le forze politiche»

ha detto a Ballarò del 19 marzo. Per poi rilanciare sulla possibilità di formare un governo a lungo termine:

«Ci vuole buon senso, il Paese non può permettersi di tornare alle urne. Speriamo di trovare un governo che vada avanti per cinque anni. Se lo augurano tutti gli italiani».

Oltre a rappresentare la parte più a sinistra della coalizione, pur nel suo incarico e nella sua veste istituzionale, che la collocano automaticamente e per doveri al di sopra delle parti, Boldrini è anche espressione di una “società civile” non partitica, visto che è alla sua prima esperienza elettorale.

E’ facile immaginare, comunque, che nel suo colloquio con Napolitano vorrà perorare la causa del governo Pd con i famosi otto punti di Bersani, con apertura, qualora lo volessero, ai parlamentari del Movimento Cinque Stelle. E’ chiaro che se non lo vorranno toccherà prenderne atto e provare altre strade. Cioè nuove consultazioni (anche perché Napolitano non può sciogliere le Camere, essendo abbondantemente all’interno del semestre bianco).

Ultime notizie su Presidente della Repubblica

Tutto su Presidente della Repubblica →