Massimo Ciancimino: “Forza Italia? Nacque per volere della mafia”

Massimo Ciancimino continua a far tremare il Paese: ora Forza Italia, nelle sue parole, nacque come frutto della volontà mafiosa, addirittura di Bernardo Provenzano: la notizia esploderà oggi, e vedrete che stasera aprirà i telegiornali. Sono accuse grosse – e di fronte ad accuse tanto grosse viene sempre da domandarsi cui prodest? Che interesse potrebbe


Massimo Ciancimino continua a far tremare il Paese: ora Forza Italia, nelle sue parole, nacque come frutto della volontà mafiosa, addirittura di Bernardo Provenzano: la notizia esploderà oggi, e vedrete che stasera aprirà i telegiornali. Sono accuse grosse – e di fronte ad accuse tanto grosse viene sempre da domandarsi cui prodest? Che interesse potrebbe avere Massimo Ciancimino a farle? – che andranno valutate dalla magistratura.

Ecco le parole del figlio del sindaco di Palermo, Vito Ciancimino, passato alla storia sia come politico che come criminale. Interrogato dai magistrati durante il processo all’ex comandante dei Ros Mario Mori e al colonnello dei carabinieri Mauro Obinu, Ciancimino parla di un “pizzino” spedito da Bernardo Provenzano, Zu Binnu, direttamente a Silvio Berlusconi via Marcello dell’Utri, in cui si minacciava velatamente SB:

”Intendo portare il mio contributo – si legge nel pizzino – che non sara’ di poco conto perche’ questo triste evento non si verifichi (si allude all’intimidazione ndr). Sono convinto che Berlusconi potra’ mettere a disposizione le sue reti televisive”

E fin qui siamo al pizzino, qui sotto Massimo Ciancimino spiega…

Mio padre mi disse che questo documento, insieme all’immunita’di cui aveva goduto Provenzano e alla mancata perquisizione del covo di Riina era il frutto di un’unica trattativa che andava avanti da anni. Con quel messaggio Provenzano voleva richiamare il partito di Forza Italia, nato grazie alla trattativa, a tornare sui suoi passi e a non scordarsi che lo stesso Berlusconi era frutto dell’accordo

Inoltre, sempre Ciancimino durante la sua deposizione, ha spiegato che Bernardo Provenzano tra il 2001 e il 2002, ebbe contatti con Marcello Dell’Utri

”ha riparlato con Marcello dell’Utri. Me lo disse mio padre”

in quell’occasione, sempre secondo Ciancimino, il Sen. di quella che al tempo era Forza Italia avrebbe rassicurato il “capo dei capi” sull’imminente indulto. Accuse veramente grosse; vi sembrano plausibili?

Per saperne di più: lo speciale sulla trattativa Stato – mafia su crimeblog.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →