Le pagelle del lunedì

Antonio Di Pietro: padrepadrone. Voto – 8. Il leader dell’Idv trionfa al congresso della “svolta”, ma lo statuto del partito resta “affar suo”: solo 6 persone, tutte nominate dall’ex pm, possono modificarlo. Se non è zuppa, è pan bagnato. Angelino Alfano: voce del padrone. Voto – 8. Il ministro della Giustizia a difesa di Berlusconi,

Antonio Di Pietro: padrepadrone. Voto – 8. Il leader dell’Idv trionfa al congresso della “svolta”, ma lo statuto del partito resta “affar suo”: solo 6 persone, tutte nominate dall’ex pm, possono modificarlo. Se non è zuppa, è pan bagnato.

Angelino Alfano: voce del padrone. Voto – 8. Il ministro della Giustizia a difesa di Berlusconi, che “vorrebbe andare ai processi, ma è impegnato a governare”. Patetico! Alfano, Guardasigilli o “guardaspalle”?