Cinisello Balsamo, prostituta torturata ed uccisa: in manette Antonio Giordano, sospettato di essere un serial killer

Prostituta dell’est seviziata ed uccisa in un box auto a Cinisello Balsamo. In manette il titolare del box, il 44enne Antonio Giordano, che ha deciso di non rispondere alle domande degli inquirenti. Si sospetta che possa essere un serial killer


E’ finito in manette in queste ore, accusato di aver rapito, torturato ed ucciso una prostituta dell’est, il 44enne Antonio Giordano, operaio di Cinisello Balsamo.

Il macabro omicidio è stato scoperto quasi per caso: una prostituta ghanese si è recata dai Carabinieri ed ha denunciato di esser stata aggredita nei pressi di un garage, che è risultato essere intestato a Giordano.

I militari hanno così prelevato il 44enne nella sua abitazione e si sono fatti accompagnare nel box auto per un’ispezione di routine. Una volta lì, la macabra scoperta.

Il box dell’uomo era stato trasformato in una vera e propria stanza degli orrori, insonorizzata e arredata con un letto e un soppalco pieno zeppo di video porno.

Lì giaveva il corpo senza vita di una donna di 35 anni, probabilmente una prostituta dell’est. Ne parla Quotidiano.net:

La vittima è forse dell’Est, le è stato trovato in tasca un biglietto scritto in rumeno. Giaceva per terra, mani e piedi legati assieme da una corda nel più classico dei metodi di incaprettamento.

L’uomo, separato e padre di due figli, è stato immediatamente arrestato e da quel momento si è chiuso nel silenzio.

Mentre si attendono i risultati dell’autopsia, disposta dal pm Franca Macchia, gli inquirenti stanno indagando sul passato dell’uomo: c’è il sospetto che quella vittima sia solo l’ultima di una lunga serie.

Maggiori dettagli saranno diffusi nel corso delle prossime ore.

Via | Il Giorno

I Video di Blogo

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →