Elezioni Regionali 2010. Massimo D’Alema contro Nichi Vendola

Quanto successo a Piero Marrazzo non è servito a nessuno se oggi, a meno di un anno dall’accaduto, Nichi Vendola non può prepararsi alle primarie per giustificare tutte le accuse che puntualmente gli sono stare recapitate prima.Oltre al presunto avviso di garanzia l’attuale Governatore della Regione Puglia deve arginare le pesanti dichiarazioni di Massimo D’Alema,



Quanto successo a Piero Marrazzo non è servito a nessuno se oggi, a meno di un anno dall’accaduto, Nichi Vendola non può prepararsi alle primarie per giustificare tutte le accuse che puntualmente gli sono stare recapitate prima.

Oltre al presunto avviso di garanzia l’attuale Governatore della Regione Puglia deve arginare le pesanti dichiarazioni di Massimo D’Alema, che prima dell’investitura di Pierluigi Bersani non era così presente, secondo il quale Nichi Vendola rappresenta un problema politico.

“Vendola – ha dichiarato Massimo D’Alema – è un uomo molto intelligente, gli voglio anche bene e mi dispiace che la butti sul personale, ma qui ci occupiamo di politica e il valore delle persone non è in discussione. E Vendola anziché affrontare il problema in termini politici ha pensato bene di autocandidarsi”.

Lecito, a questo punto, chiedersi cosa significhi per Massimo D’Alema fare politica. Se per lui, come si legge tra le righe dei suoi illuminati interventi, la gestione della cosa pubblica è solo una partita di Risiko allora è auspicabile un secondo mandato di Nichi Vendola.

A differenza del novello Cardinal Richelieu raramente il Governatore della Regione Puglia ha parlato di strategie. I suoi interventi si concentrano per lo più su ciò che è stato fatto per il territorio.

Patrimonio su cui in pochi investono. Perché poi?

Ultime notizie su Elezioni regionali

Tutto su Elezioni regionali →