Omicidio Carmela Rea: dna su siringa né suo né del marito. Si cerca la borsa di pelle gialla

Iniziano ad arrivare le prime indiscrezioni sugli accertamenti effettuati dai Ris nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio di Carmela Melania Rea, il cui corpo senza vita è stato trovato lo scorso 20 aprile a pochi passi dal chiosco della pineta nel Bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella, in provincia di Teramo.Mentre proseguono gli esami sulle tracce di


Iniziano ad arrivare le prime indiscrezioni sugli accertamenti effettuati dai Ris nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio di Carmela Melania Rea, il cui corpo senza vita è stato trovato lo scorso 20 aprile a pochi passi dal chiosco della pineta nel Bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella, in provincia di Teramo.

Mentre proseguono gli esami sulle tracce di liquido msto a sangue rinvenuto all’interno della siringa conficcata nel cadavere di Carmela, pare che sull’involucro esterno non sia stato trovato né il dna della vittima né quello di suo marito, Salvatore Parolisi.

Stesso discorso per il laccio emostatico trovato accanto al corpo della giovane. Le analisi proseguono senza sosta, mentre gli inquirenti continuano a scavare nella vita della donna.

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di tre persone sospettate dagli inquirenti: il marito e due vicini di casa della coppia, una guarda penitenziaria e un operario. Ora pare che questi ultimi due siano stati depennati dalla lista, in quanto avrebbero fornito alibi che li escluderebbero dalla scena del delitto.

La versione del marito, invece, continua a non convincere del tutto gli inquirenti: l’ultimo dei punti oscuri riguarda la borsa di Melania.

Una borsa di pelle chiara che la 29enne aveva con sé la mattina del 18 aprile, giorno della sua scomparsa. Lo conferma Il Centro:

Melania entra in quel supermercato alle 11 dello stesso giorno. Con lei ci sono il marito Salvatore Parolisi, caporal maggiore del Reggimento Piceno di Ascoli, e la figlioletta.
La prima a entrare nel supermercato è proprio Melania, stringe la borsa – appesa alla spalla – con la mano sinistra. Gira tra gli scaffali e alla cassa torna indietro per un attimo, il tempo per acquistare un giocattolo alla sua bimba. Gli ultimi fotogrammi, girati all’uscita del supermercato, fanno persino intravvedere la Renault Scenic di Parolisi.

La borsa è scomparsa, non si trova da nessuna parte. Il marito sostiene che Carmela l’avesse lasciata a casa, ma gli inquirenti non sono riusciti a trovarla. Possibile che la giovane l’abbia portata con sé a Colle San Marco e che l’assassino l’abbia fatta sparire?

Le indagini proseguono.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →