L’altra Milano dei dimenticati

Una passeggiata da corso Vittorio Emanuele, fra il Duomo e piazza San Babila, verso corso Europa. Basta attraversare una delle gallerie perpendicolari al corso, dietro i negozi di lusso, le profumerie e i cinema del centro, poco dopo le 23, verso mezzanotte.Cartoni sistemati come materassini, lenzuola, coperte. Un accampamento di senza tetto nel cuore della

di

Una passeggiata da corso Vittorio Emanuele, fra il Duomo e piazza San Babila, verso corso Europa. Basta attraversare una delle gallerie perpendicolari al corso, dietro i negozi di lusso, le profumerie e i cinema del centro, poco dopo le 23, verso mezzanotte.

Cartoni sistemati come materassini, lenzuola, coperte. Un accampamento di senza tetto nel cuore della città più ricca di Milano. A me è capitato di recente, uscendo da un cinema, di scoprire questa realtà che esiste da anni e che di giorni è meno appariscente, confusa tra la folla e la fretta di noi passanti/acquirenti/consumatori.

Sono tanti, sono italiani e stranieri, sono giovani e anziani. Trovano un angolino, una panca, un muretto e lì si sistemano. I più fortunati ricevono qualcosa dai City Angels – che quando possono portano assistenza e magari un pasto caldo.

Da quando non c’è più fratel Ettore anche i posti per dormire per questi “milanesi dimenticati” sono di meno. E noi, il più dellle volte, neppure sappiamo di questo popolo invisibile, anche poco invadente, quasi vergognoso di mostrarsi così stridente con la capitale della moda e del design.