Denise Pipitone: “Anna Corona mandante morale del rapimento”

L’avvocato di parte civile di Piera Maggio: “Anna Corona è la mandante morale del sequestro di Denise, nonché responsabile dei comportamenti della figlia Jessica Pulizzi”.

di remar

Giacomo Frazzitta, legale di parte civile di Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, ne è sicuro:

Anna Corona è la vera mandante morale del sequestro di Denise, nonché responsabile dei comportamenti della figlia Jessica Pulizzi. 

Denise Pipitone scomparve l’uno settembre 2004 dalla sua casa di Mazara del Vallo (Trapani) che non aveva nemmeno 4 anni. Rapita secondo gli inquirenti dalla sorellastra Jessica, per la quale ieri il pm ha chiesto 15 anni di reclusione per concorso in sequestro di minorenne. Secondo chi indaga la sorellastra di Denise considerava Piera Maggio responsabile della fine del matrimonio dei suoi genitori così avrebbe architettato di sequestrare la piccola, per vendetta.

L’avvocato nell’aula del Tribunale di Marsala stamattina ha poi ricordato che:

Piera Maggio è stata più volte minacciata da Jessica

La ragazza, ha aggiunto Frazzitta:

le ha anche squarciato le ruote dell’auto. Jessica conferma le telefonate a Piera Maggio, che per evitare di ricevere le minacce ha tolto il telefono fisso di casa.

Inoltre, ha continuato il legale, Anna Corona ha cercato di provocare Piera Maggio, fermata davanti casa sua, con un comportamento:

tipico dell’atteggiamento mafioso.

La madre di Jessica, ha riferito l’avvocato, disse:

Quattro anni ho sofferto io e quattro anni devono soffrire loro.

“Quattro anni” sono un riferimento all’età di Denise secondo Frazzitta per il quale c’erano tutti gli elementi per capire che stava per accadere qualcosa di grave alla bimba.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →