D’Alema, re dell’inciucio o vero “domatore” di Berlusconi?

All’inizio dell’anno Massimo D’Alema era dato “out”, oramai fuori dai grandi giochi del suo partito e della politica italiana e internazionale. Adesso, a fine anno, il lider “maximo” è non solo il vero deus ex machina del Partito democratico, ma anche il “mossiere” di inedite alleanze che possono prefigurare nuovi scenari politici. Ma non sono

All’inizio dell’anno Massimo D’Alema era dato “out”, oramai fuori dai grandi giochi del suo partito e della politica italiana e internazionale.

Adesso, a fine anno, il lider “maximo” è non solo il vero deus ex machina del Partito democratico, ma anche il “mossiere” di inedite alleanze che possono prefigurare nuovi scenari politici.

Ma non sono pochi, specie a sinistra, ad additare D’Alema come il “male dei mali”, il politico che trama per il potere, l’uomo dell’inciucio, sempre pronto per tutte le stagioni.

Come c’è anche chi vede nell’aggressione all’ex ministro degli Esteri il tentativo di spaccare il Pd, oggi in faticosa ripresa, e, in ultima analisi, di isolare D’Alema, cioè l’unico ritenuto vero “interlocutore” da Berlusconi e ritenuto anche l’unico (al di là dei limiti e difetti … caratteriali), “capace” di “domare” il Cavaliere.

D’Alema, in una intervista dell’altro ieri a l’Unità, ricorda che adesso Libero e il Giornale lo omaggiano, mentre in altre stagioni lo hanno attaccato anche violentemente. Insomma, D’Alema si difende (è un suo diritto) attaccando gli altri perché “strumentalizzano” le sue posizioni.

Alla domanda di Giovanni Maria Bellu: “Cosa direbbe a un giovane blogger terrorizzato dall’inciucio?” D’Alema risponde: “Non penso che il blogger di cui lei parla sia tanto giovane. Credo sia un po’ più agée. Quelli giovani si preoccupano di quanto si è fatto col clima a Copenaghen, non di queste storie ..”.

Forse è così. Ma D’Alema e il Pd non hanno niente da dire su Copenaghen e dintorni?

Non sono solo i blogger, giovani o agée, a diffidare di Massimo D’Alema e del Pd. Non è colpa di internet se da decenni D’Alema e Veltroni si azzannano fra loro, se il Pd annaspa, se la sinistra è un covo di vipere, se Berlusconi ancora governa l’Italia e domina la scena.

I Video di Blogo