Omicidio Sarah Scazzi: dopo le dichiarazioni di Cosima Serrano, spunta una lettera in cui Michele Misseri scagiona la figlia Sabrina

Pochi giorni fa, dopo sette mesi di silenzio, Cosima Serrano, moglie di Michele Misseri e madre di Sabrina, entrambi accusati dell’omicidio di Sarah Scazzi, ha rilasciato un’intervista a La Stampa e alla trasmissione televisiva Matrix. La donna, mai stata indagata, ha risposto senza filtri alle domande del giornalista e, tra l’altro, ha ricostruito anche l’omicidio


Pochi giorni fa, dopo sette mesi di silenzio, Cosima Serrano, moglie di Michele Misseri e madre di Sabrina, entrambi accusati dell’omicidio di Sarah Scazzi, ha rilasciato un’intervista a La Stampa e alla trasmissione televisiva Matrix.

La donna, mai stata indagata, ha risposto senza filtri alle domande del giornalista e, tra l’altro, ha ricostruito anche l’omicidio di Sarah, così come le è stato raccontato dal marito Michele:

Il campanello del citofono è accanto al mio letto. Io mi lamentavo spesso perché mi disturbava quando suonava a quell’ora. Forse ha visto la porta del garage aperta e si è affacciata aspettando che Sabrina uscisse, avrà sentito le urla di mio marito che gridava contro il trattore che era rotto. […] Lui dice che quel giorno stava arrabbiatissimo per il trattore e Sarah gli ha chiesto “zio perché urli? perché sei arrabbiato?” Lui le ha detto “vattene che è meglio”, ma Sarah ha continuato a fare domande. Allora lui l’ha spostata di peso e poi le ha buttato la corda (al collo, ndr).

L’omicidio, secondo questa ricostruzione, sarebbe avvenuto per uno scatto d’ira. Misseri era nervoso, Sarah insisteva nel chiedere spiegazioni, lui l’ha strangolata per farla tacere.

Una spiegazione in parte inedita, quella dello scatto d’ira, che si va ad aggiungere alla varie versioni fornite in questi mesi da Misseri. Altro dettaglio importante: in questa versione non viene nominata la figlia Sabrina, qui del tutto estranea al delitto.

Curioso, però, che a poche ore di distanza dall’intervista rilasciata da Cosima Serrano, sia spuntata una lettera, l’ennesima, scritta da Michele Misseri al suo difensore Francesco De Cristofaro, nominato nei mesi scorsi su indicazione della figlia Valentina.

La missiva, ne ha parlato la trasmissione tv La Vita In Diretta, sarebbe stata consegnata lo scorso 16 febbraio da Misseri a De Cristofaro.

Lì Misseri avrebbe scritto una nuova confessione, che coincide in tutto e per tutto con la ricostruizione fornita da Cosima Serrano nell’intervista.

L’esistenza di questa lettera, è necessario sottolinearla, non è stata nè confermata né smentitada De Cristofaro che, interpellato dall’Ansa, si è limitato a dire che tra lui è Michele Misseri è in corso una corrispondenza postale.

Se dovesse venir confermato, non risulterebbe strano che, proprio in concomitanza con questa lettera, Cosima Serrano abbia deciso di rilasciare un’intervista, dopo mesi di silenzio, confermando la versione l’unica versione del marito in cui non è coinvolta la figlia Sabrina?

Le indagini proseguono.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →