Regionali: in Piemonte e Veneto candidati leghisti. Ufficiali anche Polverini, Scopelliti e Biasotti per il centrodestra

L’Ufficio di Presidenza del Pdl ha reso ufficiali alcune candidature del centrodestra per le regionali. Dopo l’ufficializzazione di Roberto Formigoni in Lombardia di domenica alla manifestazione del Pdl di Milano, conclusa con la vile aggressione a Berlusconi, sono stati resi noti i candidati per altre regioni.Nel Lazio sarà candidata la leader del sindacato Ugl Renata


L’Ufficio di Presidenza del Pdl ha reso ufficiali alcune candidature del centrodestra per le regionali. Dopo l’ufficializzazione di Roberto Formigoni in Lombardia di domenica alla manifestazione del Pdl di Milano, conclusa con la vile aggressione a Berlusconi, sono stati resi noti i candidati per altre regioni.

Nel Lazio sarà candidata la leader del sindacato Ugl Renata Polverini, in Calabria il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti, in Liguria l’ex presidente della Regione Sandro Biasotti.

La notizia più importante e sulla quale da mesi ci sono accese discussioni riguarda Piemonte e Veneto: come sostenuto da Bossi da diverse settimane entrambe le regioni vedranno candidati leghisti per il centrodestra. La decisione, per quanto riguarda il Veneto, ha fatto infuriare il Governatore Giancarlo Galan che ha dichiarato

Considero quanto avvenuto peggio di un tradimento e cioe’ un errore. Come piu’ volte ripetuto, ora mi prendero’ il tempo necessario per riflettere tentando di capire regole e modalita’ di un modo di fare politica che non condivido ma che posso tentare di comprendere

Galan a questo punto deve decidere se tentare la candidatura solitaria (magari con l’Udc) o accettare eventuali poltrone alternative che di sicuro gli offriranno. Di certo se si candidasse, considerato che è pur sempre una creatura berlusconiana, non solo quasi sicuramente perderebbe ma vedrebbe finita la sua carriera politica. In Veneto i potenziali candidati rimangono sempre gli stessi: il ministro Luca Zaia e il sindaco di Verona Flavio Tosi.

Per il Piemonte il superfavorito per la candidatura è a questo punto il capogruppo della Lega alla Camera Roberto Cota. Tornando a Polverini e Scopelliti sono ottimi candidati (che tra l’altro potrebbero ottenere l’appoggio dell’Udc) e che possono tranquillamente ambire a vincere le rispettive sfide anche perchè Scopelliti è molto popolare e in Calabria l’Idv andrà da sola e il centrosinistra rischia di ripresentare Loiero, non certo protagonista di una grande azione politica da Presidente. Nel Lazio dopo il caso Marrazzo il centrosinistra è in crisi e non ha ancora nessuna personalità di primo piano da presentare.

Più difficile la sfida per Biasotti che pur avendo un seguito personale superiore alla forza della coalizione difficilmente vincerà con Burlando, soprattutto se quest’ultimo sarà appoggiato dall’Udc. In Lombardia Formigoni è super favorito per la riconferma, se la vedrà con Penati che tra l’altro ufficiosamente non aveva nessuna intenzione di candidarsi (preferiva farlo per le comunali di Milano del 2011)

Ultime notizie su Elezioni regionali

Tutto su Elezioni regionali →