Civita Castellana: infermiere caposala Giovanni Piergentili arrestato con l’accusa di violenza sessuale

Avrebbe abusato di una paziente sotto anestesia l’infermiere 57enne di Viterbo arrestato stamattina dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale. L’uomo, Giovanni Piergentili, caposala nell’ospedale Andosilla di Civita Castellana, secondo le indagini della Squadra mobile avrebbe approfittato di una donna alla quale era stato somministrato un anestetico per un esame endoscopico. Scrive Nuovo Viterbo Oggi:


Avrebbe abusato di una paziente sotto anestesia l’infermiere 57enne di Viterbo arrestato stamattina dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale.

L’uomo, Giovanni Piergentili, caposala nell’ospedale Andosilla di Civita Castellana, secondo le indagini della Squadra mobile avrebbe approfittato di una donna alla quale era stato somministrato un anestetico per un esame endoscopico. Scrive Nuovo Viterbo Oggi:

è stato arrestato in seguito alla denuncia della donna al termine delle indagini della Squadra Mobile. Secondo quanto emerso dagli accertamenti della polizia, l’operatore sanitario ha abusato della donna all’interno di una saletta dove la paziente era stata portata in attesa che si risvegliasse (…).

E ancora:

La paziente si è svegliata mentre subiva la violenza ed è riuscita ad allontanare il suo aggressore, che nell’occasione approfittando ulteriormente della minorata difesa della donna le rivolgeva un “perchè non ti piace?”. Grazie agli accertamenti della polizia, al racconto della donna e alle testimonianze raccolte, gli agenti della Squadra Mobile hanno arrestato l’infermiere, tradotto nel carcere di Mammagialla.

“Si tratta di un atto sessuale atipico – ha affermato il capo della Squadra mobile, Fabio Zampaglione – poichè la donna è riuscita a divincolarsi facendo allontanare l’infermiere”. Da Viterbo Oggi:

Non avendo trovato alcun tipo di materiale biologico, gli investigatori sono riusciti a risalire allo stupratore grazie ad alcune foto mostrate alla paziente. Sono in corso ulteriori indagini per accertare se in precedenza abbia abusato di altre donne assegnate alla sue cure.

La direzione generale dell’ASL ha avviato un provvedimento disciplinare a carico dell’infermiere.

Via | Nuovo Viterbo Oggi